Poesie di Alessandro Lemucchi

Scrivere, nato mercoledì 13 aprile 1955 a Tivoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Alessandro Lemucchi

Ode alla musa

Che cos'è la musa?
Un alito di vento
ghibli che attraversa il deserto
modellando piccoli granelli di sabbia
in armoniosa visione sotto un cielo sempre terso.
Ella ti avvolge nel suo caldo abbraccio
e sussurra alla mente
con un eco lontano di ancestrale ricordo.
Sia Calliope osannata nei secoli
o dolce donna al cuore cara non importa.
Ella sempre trova la chiave dell'anima
che non è sorda al suo richiamo.
Essenza pura aleggia nell'etere
ispira fraseggi rubati alle stelle
al suo spaurito discepolo
che al suo consiglio tanto anela
prende l'incerta mano sul bianco foglio
da voce al pensiero
guida le parole con diesi perfetta
e fa che l'emozione di un sogno
al mondo egli trasferir possa.
Alessandro Lemucchi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alessandro Lemucchi

    La gioventù der core

    La vita è proprio strana ciò er core
    che nu la smette de fa er pazzo
    e c'è manca solo che me metta strappà
    li petali de 'n fiore
    però c'è da di che dentro a sta cosa
    io ce sguazzo.
    Se po' all'età mia 'nnamorasse
    come 'n regazzino?
    Er destino c'ha messo lo zampino
    e se sta a pia "na burla
    vò da la passione famme consumà
    pe" giocamme quarche scherzo strano.
    C'è sta 'na pischella ch'è nata
    sotto er sole campano
    all'ombra der Vesuvio
    che da "n po" che se beccamo
    è 'na donna de le più sincere
    e quanno me racconta nu me dice t'amo
    ma se sente che quarcosa prova
    me sta a diventà 'n chiodo fisso
    tanto che me so ringalluzzito
    perché se 'nteressa a uno come me
    che de certo nu né 'n Casanova.
    'Nu me pare vero
    guardo li fiji mia e me domanno
    ma a l'età mia ce se po' 'nnamorà a sto modo
    so loro che deveno perde la testa
    che c'hanno l'età pe' fa ste cose
    de corre appresso alle regazze
    io ormai so' attempato er tempo mio l'ho fatto
    e si poi me sbajo e nu è vero
    e che tutto 'n firm che me so fatto io
    nu so se ce la faccio a ripiamme da la botta
    e mejo lassa perde che sti giochi "nu so più pe" me.
    Ma poi er telefono squilla
    e er core sar'impenna
    sento la pischella che me parla
    e co' 'na voce doce come er miele me dice
    "cucciolo come stai"
    e io me squajo come 'n regazzino alla prima cotta.
    Che devo dì nu lo so.
    So solo che quanno 'na donna a 'n'omo
    je pia la mente pe l'omo nu' c'è più speranza
    l'ama e basta.
    Alessandro Lemucchi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alessandro Lemucchi

      Quattro chiacchiere co' Marc'Aurelio (pasquinata)

      Marc'Aurelio mio
      erano belli li tempi tua.
      Ora te ne stai 'ngroppa
      a quer cavallo, zitto, zitto,
      tutt'arcigno e nu dici 'na parola,
      c'hai solo er braccio arzato co' la mano aperta
      e nu me stai a salutà,
      me sembra che volessi dì quarcosa,
      è come se quer gesto ce dicesse:
      oh fermateve, ma che sete ciechi,
      nu vedete che ve stanno a combinà,
      com'è stanno a riduce la patria vostra?
      Più te guardo e più me pare
      de sentì li pensieri tua.
      Nu vè ricordate, quello v'ho 'nsegnato
      e che dicevo pe' da' l'esempio
      a li senatori de l'impero,
      m'aricordo che da quarche parte
      ve l'ho lasciato puro scritto.
      Bisogna che chi sta a governà,
      quanno ar senato se mette a fa leggi,
      ne' la mente deve avecce sempre du' principi,
      er primo è se quello che stanno a fa,
      è per bene der popolo,
      er seconno è che, quanno c'è sta quarcuno,
      che ve dice che state a sbajà,
      ce dovete aver coraggio d'ammettelo,
      poveri fiji mia la storia nu va 'nsegnato gniente.
      Dici bene Marc'Aurè, tu da l'arto de sto colle
      vedi bene come so ridotti li discendenti tua,
      ormai nimmanco più votà ce fanno annà,
      c'avemo avuti tre presidenti der consiglio
      che li voti der popolo nu l'hanno piati,
      e pe' facce digerì la cosa dicheno,
      che so governi de de larghe intese,
      ma pe' me so solo grandi inciuci.
      A da sapè che, la prima cosa c'hanno fatto,
      na vorta chì se so seduti su la portrona,
      è d'anna in precissione a inchinasse alla Germania
      manco fosse la scala santa che ce monna li peccati.
      aohh nu te 'ngrugnì, lo so che li tedeschi 'nte piacieno,
      ma questa è storia antica,
      ieri a te t'attaccaveno co' le spade,
      tu ce mannavi quattro legioni
      e tutti zitti e. boni.
      Ar giorno d'oggi nu po' più fa,
      loro lavoreno de fino, sotto, sotto,
      se compreno tutti li titoli nostra,
      così ponno decide pe' noiantri,
      ce dicheno che per bene nostro,
      dovemo avecce più rigore,
      e li gnoccoloni der governo aumenteno le tasse,
      'gni vorta che la cancelliera se sveja male.
      A da sapè, che se so 'nventati 'nantra cosa,
      pe' leva li sordì a li poveracci,
      hanno messo le machinette pe' giocà, da tutti i pizzi,
      e 'ndo te giri, giri, so gratta e vinci.
      A la fine, chi de la Dea bendata s'è voluto fidà
      s'è gioca puro li sordi pe' magnà,
      e pe'fa vedè che je stamo a core,
      te danno er contentino co' du sordi,
      che te metteno in busta paga
      e te dicheno che co' quelli ta ripii,
      quanno pe'ripiasse ce vò solo cinepresa.
      Però pure noi c'avemo li record nostra,
      c'avemo li parlamentari co' li stipendi
      più arti de tutt'Europa,
      e si "nammo pe" percentuali,
      vinciemo tutto er cucuzzaro,
      "na cosa però la famo bene,
      e pe" fa questo ce lasciano da soli,
      accojemo tutti li disperati de l'antre parti,
      pe' loro noi semo l'America,
      li sfamamo, li vestimo, je damo li sordi,
      e quelli se lamenteno pure, che ce vò fa.
      Le frontiere so aperte, è na società murtietnica,
      ma questo c'era pure a li tempi tua,
      co 'na differenza, che quelli arrivaveno,
      nu cercaveno d'impone le tradizioni sua.
      Qua nissuno s'accorge che ce stanno a 'nvade,
      come successe a Roma,
      quanno a la fine de l'impero Ezio,
      pe nu perde la corona fece romani li barbari,
      che 'na vorta dentro, je se so rivortati contro.
      A Marc'Aurè spero, de sbajamme,
      e che sta profezia mia nu s'avvera,
      però si nu ce levamo de torno sta repubblica,
      c'ha fatto er tempo suo e la famo nova
      seguenno la costituzione che pe'scrive li principi
      li padri nostri so morti in guera,
      io la vedo tanto nera.
      Alessandro Lemucchi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alessandro Lemucchi

        Er politico (pasquinata)

        Omini e donne der popolo mio
        assiso su sto scranno
        'ndo co li voti vostra so arivato
        ve guardo e me la rido.
        La sera dentro alle case all'or de cena
        attorno a 'na tavola imbandita
        tra 'n boccone e 'nantro
        ve 'nfervorate pe li fatti de la televisione
        ve'ngrumite pe' chi c'ha ragione
        tra li concorenti der grande fratello
        e piate le parti o dell'uno o e dell'antro
        ve commovete se una piagne
        perché quello che credea l'omo suo
        ner cesso n'antra s'è 'ngroppata.
        Ve piace de vedè de questo
        o quell'antro giornalista
        che stanno dentro "no studio
        attorno a tavolo a pontificà su la vita
        e che pe" di quattro fregnacce
        se credeno pscologi e pièno li sordi.
        Voi v'arrabbiate pe' ste cazzate
        e nu' vedete che li telegiornali
        de leggi che se fanno parleno poco,
        perché se ve la dovessero dilla tutta
        allora si che ve 'nfurierete.
        A vedevve me sembra de sta ar parlamento
        'ndove strillamo, litgamo pe 'gni cosa
        ma alla fine semo tutti d'accordo
        quanno se dovemo aumentà lo stipendio.
        E che ce frega se po'Italia sta annà a puttane
        se l'operai n'arivano a fine mese
        perché 'gni giorno se 'nventamo 'na tassa nova
        se li regazzi nu troveno lavoro
        perché le fabbriche chiudeno pe' corpa nostra
        o se 'na vecchietta vi'è arestata
        perché se fregata 'na merendina
        che pure li carabinieri se so "npietositi
        e che pe" nu vedella piagne
        g'hanno riempito er carello de la spesa.
        A voi colleghi mia
        che su ste portrone ce state ncollati
        da 'na cifra d'anni da urtimo arivato
        e che er gioco vostro l'ha capito
        ve dico che so loro che ce danno da campà
        e se non l'ha smettemo de magnà
        a destra e a manca
        e se sti omini e donne s'arecordeno
        come faceveno l'antichi romani
        che quanno 'n senatore sgarrava
        de certo 'n pugnale
        che facesse giustizia lo trovava
        oggi li politici 'n s'ammazzeno più
        ma ser popolo se sveja 'nemmanco
        lì santi lo pònno fermà.
        Alessandro Lemucchi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Alessandro Lemucchi

          Specchio

          Immagine riflessa incerta rimane
          a contemplar real tristezza.
          Universo parallelo ella vive
          mani che toccano fragile cristallo
          a dividere insuperabile
          barriera del sogno
          cui l'essenza si crogiola.
          Voglia estrema
          di trasferir nel riflesso
          l'abisso senza fondo del cuore
          baratro immane dove l'Io
          assiso in bilico sul bordo
          assiste smarrito
          alla distruzione dell'anima.
          Il dolore governa la vita
          con leggi all'umano ignote
          dal fato scritte senza che lo spirito
          abbia potere alcuno.
          L'essere pace non trova
          catene di fuoco
          attorcigliano l'intelletto
          e pensiero fisso assedia
          maledetti gli Dei
          che prigionier di corpo l'han creato.
          Guscio cui si sfugge
          solo abbracciando la follia
          che la morte regala
          nell'esalar ultimo respiro
          risposta alla domanda.
          Se io il riflesso e l'altro
          nello specchio il reale.
          Alessandro Lemucchi
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di