Poesie di Alessandro Bruzzi

Agente Immobiliare, nato mercoledì 2 luglio 1975 a Carrara (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: BrutalBruzzi

Tempi Persi

A cosa è servito
Guardare i tuoi occhi
Ascoltare la tua voce
Pensarti tutto il giorno?
A cosa è servito
Sperare nel tuo aiuto
Cercarti nella notte
Chiamare il tuo nome?
A cosa è servito
Incontrare i tuoi destini
Conoscere i tuoi desideri
Sentire il tuo profumo?
Questo mi chiedo
nella mente
e nel cuore non trovo risposte...
Tempi persi,
passati ad inseguire sogni che non si sono mai realizzati...
Tempi persi,
passati ad inseguire amori che non sono mai stati corrisposti...
Tempi persi,
passati in compagnia dei ricordi del passato!
A cosa è servito?
L'anima ancora si domanda,
non si stanca mai di cercare la risposta...
a cosa è servito?
La mia mente è in totale rovina,
la decadenza è lì sul ciglio della sua porta...
aspetta ad entrare nell'anticamera del mio cervello...
aspetta un mio cedimento, il crollo nella fine della mia coscienza!
A cosa è servito?
Aspettare un segnale, aspettarti...
Aspettare l'amore, o l'apatia...
a cosa è servito?
E ancora una volta
La mia vita è segnata dai tempi persi!
Alessandro Bruzzi
Composta sabato 14 settembre 2002
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: BrutalBruzzi

    Tu sei la mia tentazione...

    Come onde del mare,
    i tuoi capelli s'increspano in una cascata dorata,
    mentre i tuoi occhi penetrano nei miei,
    ti guardo come in estasi e mi perdo nei miei pensieri dove la tua immagine si riflette,
    i contorni del tuo volto fanno da cornice alla tua bocca e nella mia io chiamo i tuoi baci,
    tu sei la mia sirena,
    la mia musa, la mia amata tentazione...
    Alessandro Bruzzi
    Composta giovedì 3 aprile 2008
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: BrutalBruzzi

      Anima e Corpo

      L'Anima prese per mano il corpo
      In un lontano giorno della Storia.
      Si sarebbero sposati.
      Avevano così deciso,
      di camminare insieme sul lungo
      selciato della Vita.
      Poi venne la Morte,
      gelosa e perversa,
      che per dispetto strappò
      il corpo all'Anima e lo portò via
      con sé.
      Spiegaci o Morte:
      Noi siamo l'Anima che sale
      Al cielo?
      O siamo forse il Corpo
      Che subito imputridisce?
      Alessandro Bruzzi
      Composta giovedì 10 agosto 1995
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: BrutalBruzzi

        Voce

        Sei voce
        Che sussurra alla mia mente
        e imprime la tua immagine
        Nei miei pensieri...
        Sei voce
        Che mi parla da lontano
        Sei voce
        Come una canzone delicata
        Mi trascina in un ritmo senza fine
        Che vorrebbe portarmi a te
        e mi incanta
        Come la tua voce
        Specchio della tua essenza
        Ed io
        Rimarrò in silenzio
        Per
        Ascoltare la tua
        Voce.
        Alessandro Bruzzi
        Composta domenica 27 maggio 2001
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di