Virgilio

Poesie di Alessandro Braccio

Studente, webdesigner, nato martedì 8 settembre 1987 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Stasera ho visto una donna che vomitava il suo bambino

Stasera ho visto una donna che vomitava il suo bambino

esperienze raccontate da stoccate di fioretto.
luci a tratti
che tagliano i sorrisi

occhi furbi per stomaci forti

continuai a vomitare

cuoio e spezie pagate con false monete da debiti di gioco
alcol e sudore per la sincerità.

nobiltà d'animo riferita
da abili gesta,
sporche d'ipocrisia.
Alessandro Braccio
Composta martedì 17 maggio 2011
Vota la poesia: Commenta

    È incredibile

    Come ancora oggi prima di addormentarmi il mio pensiero corra a te...

    Fissare un soffitto bianco
    sul quale ho dipinto migliaia di volte il tuo viso...
    Ancora oggi mi abbandono ai miei ricordi...

    Penso ai miei ultimi sorrisi sinceri,
    quelli che solo tu riuscivi a strapparmi...

    Molti sono i ricordi sbiaditi dal tempo,
    momenti che ho paura di perdere con il passare della vita...

    Per questo sono qui,
    Per renderti immortale...
    Con queste parole...
    Su questo foglio bianco...
    Alessandro Braccio
    Vota la poesia: Commenta

      Giuro no

      Mi manchi...
      Mi manca il tuo sorriso la tua presenza...
      Mi manca tornare a casa la sera e addormentarmi pensando alle tue parole alle tue attenzioni.

      Però

      Non mi manca la sensazione che provavo quando andavi via... il mal di pancia tornando a casa in macchina...
      non mi mancano le incazzature che provavo quando parlavi dei tuoi amici...
      ho odiato persone che neppure conoscevo e avevo mai visto... ed era questo quello che riuscivi a fare.

      E ora

      Troppo forte il dolore del tuo ricordo per tornare da te...
      come Battisti per Elisa...
      Giuro no giuro no giuro no.
      Alessandro Braccio
      Vota la poesia: Commenta
        Commenti:
        14

        Che meravigliosa visione...

        Mi piace guardarti camminare con il tuo passo sicuro verso di me senza aver paura di quello che troverai...
        mi piace il tuo sorriso quando mi guardi...
        mi piace perdermi nei tuoi occhi...
        mi piace saperti seduta di fianco a me...

        Mi piace respirarti...

        Mi piace ascoltarti, incantarmi a ogni tuo gesto...
        mi piace come ti perdi nei tuoi pensieri...
        mi piace quando ti incazzi... e ti basta uno sguardo per farmelo capire...
        mi piace quando basta un semplice gesto per fare pace...
        mi piace quando cerchi qualcosa nella tua borsa che finisce sempre in fondo...

        Mi piace la musicalità con cui compi i gesti quotidiani...
        mi piace come basta un tuo gesto per sistemarti i capelli spettinati dal vento...
        mi piace come tieni con la mano la tua bottiglietta d'acqua minerale nei caldi pomeriggi...
        mi piace come accavalli le gambe e come rimane rilassato il piede che non poggia a terra...
        mi piace sentire il calore della tua pelle...
        mi piace seguire il profilo del tuo viso con lo sguardo quando sei baciata dal sole...

        Mi piace quando pensi a cosa scrivere... e sfiori con la penna le tue labbra...
        mi piace come accarezzi le pagine di un libro...
        mi piace quando basta uno sguardo per intenderci...
        mi piace quando sposti la ciocca di capelli dietro l'orecchio... pensando che nessuno ti stia guardando...

        Mi piace seguire il tuo respiro con il mio...
        mi piace addormentarmi pensando a te...
        mi piace svegliarmi pensando a te...

        Mi piace come mi sento quando ti vedo, quella sensazione di completezza che solo tu mi sai dare...
        mi piace sentirmi come un bambino quando riceve il regalo che voleva ogni volta che ti vedo...
        mi piace seguirti con lo sguardo... e vederti sfumare via...

        Mi piaci... perché sei tu...
        Alessandro Braccio
        Vota la poesia: Commenta