Virgilio

Poesie di Alessandro Borghesi

Nato domenica 14 agosto 1988 (Italia)

Commenti:
1

Pensieri di madre

Foglie d'autunno,
l'imbrunire di un giorno,
la carezza di un soffione,
l'odore di un respiro materno.

Sensazioni uniche
chiuse in un cassetto
dell'infelice passato.

Piccolo mio,
l'anima del mio grembo
vagabonda insieme a te
ad inseguire il volgere del destino.

Principe d'intimi segreti
crescevi avvolto in un fascio di poesia,
le cui parole sprigionavano sogni di gioia.

Scrivo nella carta
con la penna della rabbia
queste lettere di dolore
bagnate da lacrime di stelle.

Non ho più fiato per urlare
Non ho più pensieri per ricordare
Non ho più te...
Alessandro Borghesi
Composta lunedì 22 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta

    La Donna Cannone

    Mistero che circondi
    un'indefinita figura,
    getta via quel cupo velo...

    In tutto il tuo splendore
    ti vai mostrando
    al curioso passante di turno,

    La tua bellezza naturale gagliarda
    non è, ma quella nascosta dentro
    brilla intensamente nel tuo sguardo

    Un'espressione del tuo viso
    racconta un'avventura di baci delle nuvole,
    le carezze della pioggia, i sospiri del sole,
    i battiti del vento...

    Purtroppo il cuor tuo
    immensamente grande e gentile
    rimase folgorato dall'umana ferocia
    di animali senza controllo,

    i quali istruiti con il Credo
    dell'odio e del menefreghismo
    distruggono le voci degli indifesi,
    i sogni dei geni incompresi,
    la libertà di un popolo...

    La tua sensibilità piange dolore,
    vorresti cambiare il mondo intorno a te
    ma ciò non ti è possibile in quanto...

    Donna Cannone tu sei e questo è il tuo destino...
    Alessandro Borghesi
    Composta lunedì 1 marzo 2010
    Vota la poesia: Commenta

      La Pittrice

      Arte possente,
      alta è la tua grandezza
      nel predicare saggezza
      ai nuovi prediletti,
      curiosi di conoscere il proprio ego...

      Umana è la scelta
      d'infondere le tue doti
      in una creatura bella
      quanto rara: la pittrice.

      Essa raffigura la bellezza del tempo
      e la poesia della Vita che passano
      come il lento scorrere di una sorgente
      in mezzo ai tanti cipressi sfregiati dagli stolti annoiati

      i suoi strumenti prendono forma
      nelle mani laboriose
      pronte per regalare emozioni
      sulla terra dei sentimenti

      Ogni quadro brilla
      come l'argento delle stelle,
      in modo toccante irradiano
      lo splendore e la grazia dei sani valori...

      Mia cara pittrice,
      il devoto Amor per l'Arte
      vado a declamare nella tua umile anima
      così che tu possa continuare per sempre
      ad elargire al giovane poeta il brivido del Bene...
      Alessandro Borghesi
      Composta giovedì 21 gennaio 2010
      Vota la poesia: Commenta

        Fermo immagine

        Veloce il movimento
        dei disegnatori digitali
        nel creare i quadri
        che mostran a noi curiosi
        l'arte della vita selvaggia

        Sveglio il genio delle carte
        francesi che di gran classe
        e molto onore sbaraglia
        il Dio denaro

        Superbo il comico parlante
        di lingua politichese
        dove tra barzellette e favole
        divulgate al popolo censore
        uccide l'aquila reale

        Dolce il cantastorie
        che di scrittura colpisce
        la beata ipocrisia del bene
        sporco di falsi valori

        Eterno il ricordo
        di uscire nel piccolo
        paradiso fatto di bontà
        laddove anime pie camminano
        alla ricerca della calma smarrita

        Nobile il pensiero
        che trapela nei tuoi occhi d'amore
        nel mostrare gocce di sentimento
        le quali scivolando baciano
        le mie labbra nude e provare un essenza di te...
        Alessandro Borghesi
        Composta mercoledì 14 ottobre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Commenti:
          1

          A Monica

          Silenzio in questi fogli
          silenzio in queste parole
          dolore... confusione...

          Il male che corre nelle vene
          la tristezza che oscura gli occhi
          il pianto che bagna l'anima

          Sale la rabbia, sale lo sconforto...
          la notte si avvicina prepotente,
          senza far rumore...

          Codesti sono i sentimenti
          del mio io all'avvenire
          della tua scomparsa

          Senza un perché
          ti sei immolata lassù
          come un aquila dal carattere libero

          Voli leggiadra, indisturbata
          senza ostacoli che possano
          farti cadere nel limbo...

          Ripensi a noi,
          spiriti d'animo sincero
          che fanno parte del tuo cammino

          Ricordi i bei periodi
          passati insieme tra libri e svago,
          tra amori e delusioni

          Vent'anni hai solcato,
          ma... sei caduta in modo inesorabile
          sotto le fauci del mostro...

          Ora gli angeli ti guideranno
          nella nuova dimora
          dove verrai accolta con tanto Amore

          Lì troverai la "tua" facoltà...
          quella di lettere che tanto
          hai frequentato...

          Scriverai racconti, poesie
          letterine e romanzi...
          che dedicherai a noi...

          Le leggerai con tutta la grinta,
          contraddistinto dal tuo sorriso
          solare e splendente

          Le tue parole risuoneranno
          come luce dell'Amicizia
          che riempiranno i nostri cuori...

          Ti vogliamo un Mondo di Bene...

          Ciao... Monica.
          Alessandro Borghesi
          Vota la poesia: Commenta