Questo sito contribuisce alla audience di

Vecchi ricordi lentamente
Travolgono la mente,
e piano riportano al dolce passato, di un tempo vissuto...
a quei momenti in
cui la vita era quasi semplice, e girovagavo alla tua ricerca...
e che il problema più grande era
solo una sciocchezza...
riportano indietro, passi infiniti fino a giungere
al tuo sorriso...
riportano a quella felicità perduta
dove uno sguardo illuminava e una voce incantava

Riportano alla mente anche il
Sapore delle tue carezze, il calore di un tuo abbraccio di cui il mio
Cuore sente fortemente l'assenza...
Riportano ai momenti belli
che eran tali perché...
c'eri tu che riuscivi a riempirla, ad addolcirla ad assecondarla a coccolarla
e a renderla speciale come sapevi far solo tu...
con il tuo sorriso con i tuoi modi con i tuoi silenzi con i tuoi gesti
Perdonami se spesso non mi soffermo a pensare e agisco d impulso... Perdonami se osservarti da lontano non mi basta...
perdonami se ho bisogno di una carezza...
perdonami se i miei pensieri si sbriciolano facendomi cadere in un abisso...
Perdonami se sono così...
Vota la poesia: Commenta

    La mia partenza

    È l'alba di una nuova partenza
    Sensazioni remote che fomentano un presente silente...
    Sottili momenti che vivono in me...
    Sottili sospiri che bramano un sorriso

    Lascio che la notte deformi le mie paure
    Lascio che il silenzio ovatti le mie inquietudini
    Lascio che i sogni calpestino la realtà
    Lascio che la lacrima incendi le mie voglie

    Aspetto un risveglio da un torpore oramai troppo lungo
    Momenti sopra momenti che formano maschere
    Cera densa che sagoma il mio viso
    Cera densa che cattura il mio respiro
    Cera densa... oramai mia cara compagna di viaggio

    Ma scorre il tempo e la notte cambia colore
    Ma scorre il tempo e la valigia prende forma
    Di nuovo una partenza che profuma di coerenza
    Di nuovo una partenza che... profuma d'assenza.
    Vota la poesia: Commenta

      Io ci credo

      Scioglie il silenzio della notte questa tenera presenza
      Il tuo profumo rende vana la mia fuga
      Ricoperta da intrise voglie e sguardi malinconici
      l'ombra lunga del giorno... Accarezza i nostri sogni

      Ed è solo il passo lento del tempo
      Che chiede spazio tra le rime di una giornata
      e che mi parla senza pause di te
      e non ha paura di urlare e non ha paura di affondare
      Tu sei in me ed io in te

      e non sento dolore o tristezza
      c'è solo l orizzonte che parla di noi
      Che sagoma un futuro che saccheggia le nostre orme
      e che alimenta il desiderio di vita

      Rapito dal buio denso
      Ti cerco nel mio cuore
      Senza sapere dove o perché né come o quando...
      Sei li e aspetti... e ti osservo... e ti cerco... e Ti voglio come non mai...

      Il respiro si fa opprimente
      e la domanda stride nel mio cuore
      e ti chiedo
      Amore io ci credo... e tu?
      Vota la poesia: Commenta