Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Mariacarmela Scotti

Quello che ho da darti

Quello che ho da offrirti
è un sogno senza fine,
una mano vuota,
per essere riempita,
un abbraccio senza colpe,
una parola senza voce.
Ho da offrirti un anima bianca,
un segreto di mille voci,
un giorno senza nostalgia,
un bacio senza pretese.
un risveglio di cieli
senza promesse,
fatto di nuvole
con mille forme
di versi non pensati.
E quello che ho da darti
è un cuscino senza nome
che aspetta il tuo ritorno.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariacarmela Scotti

    Un amore così

    Lei si innamorò di ogni parola,
    punti e virgole che lui scriveva.
    Lo leggeva di giorno
    e lo sognava di notte.
    Si chiese come sarebbe stato
    stare accanto a lui,
    qual era la sua ispirazione,
    di come riusciva a superare il dolore,
    o di come viveva l'amore.
    Lei credeva d'essere innamorata,
    Perché di giorno amava
    leggere le sue lettere,
    e di notte abbracciava
    il desiderio di averlo accanto.
    Lei non era pazza,
    era semplicemente felice
    In un modo incomprensibile.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariacarmela Scotti

      Portami nei tuoi sogni

      Se mi porterai nei tuoi sogni,
      non lasciare che la paura
      ci spaventi con i suoi inganni,
      se verrò con te,
      portami sotto
      quel mantello di stelle,
      solo per accarezzare
      i dolori di cattive notti,
      se prometti che sarò li,
      pazientemente aspetterò,
      ancora una volta
      il tuo sorriso,
      i tuoi occhi,
      le tue mani,
      per continuare a vivere
      solo...
      nei tuoi sogni migliori.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariacarmela Scotti

        Scrivo

        Scrivo per coloro
        che amano vedere paesaggi tristi
        e per chi sappia trovare la bellezza
        nelle cose semplici;
        scrivo perché l'amore che volevo
        mi insegnò niente di più bello che amare,
        e questa è la maniera più decente che ho trovato
        per dirgli quanto felicità mi abbia dato.
        Scrivo perché ho il cuore fatto di gomitolo,
        e perché ho accantonato tempo fa la pigrizia;
        perché so che il tempo è appena iniziato,
        anche se molti dicono che
        mi rimane ancora poca strada da fare.
        Scrivo perché posso.
        Perché è il mio rifugio migliore;
        scrivo perché non dimentico mai quello che odio,
        e perché non odio quello che dimentico;
        scrivo perché mi sento vivo,
        e, soprattutto,
        scrivo per mostrare le cicatrici
        a chiunque abbia voglia di vederle.
        Vota la poesia: Commenta