Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Alessandra Cecchini
Non so perché quello che ti voglio dire lo scrivo ma...
il mio silenzio è come mille parole
il mio saluto come un lungo discorso.
Quando ti guardo vorrei guardarti fino all'infinito
parlarti fino all'infinito
ma quando ti vedo c'è qualcosa che mi blocca
e riesco a dire tre parole a stento
non vorrei cadere in quei discorsi già sentiti mille volte e rovinare tutto
vorrei poter parlare senza preoccuparmi
senza quella sensazione che non m fa dire
che mi piaci per davvero
anche se non te l'ho detto
e non me ne frega niente se dovrò aspettare ancora per parlarti
dirti solo una parola
e io ti aspetterò
aspetterò fino a quando deciderai tu
deciderai di accettarmi oppure di di lasciarmi fuori da te
ma ti chiedo di non dirmi "rimaniamo solo amici"
perché non ti posso vedere e non ti vedrò mai come amico
e se dovrò aspettare d vedere la neve a luglio aspetterò
ma se te sei sicuro che la neve a luglio non poterà mai arrivare
allora diventeremo seriamente come la neve e l'estate
come semplici compagni si scuola
e io ti aspetterò ma se a priori da parte tua non c'è niente
allora non farmi aspettare e non lasciarmi illudere e farmi credere che potrà nevicare a luglio...
Buon San Valentino.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alessandra Cecchini
    Non so perché quello che ti vorrei dire lo scivo ma...
    vorrei che il mio silenzio fosse come mille parole
    ... che il mio saluto un lungo discorso
    vorrei riuscire a non scappare appena mi saluti
    vorrei non mettere un muro tra me e te quando pariamo...
    ... vorrei riuscire a guardarti neglio occhi
    senza diventare rossa
    senza che il cuore inizi a battere così forte...
    ... vorrei avere il coraggio di venire da te a parlarti
    quando ti guardo vorrei guardarti fino all'infinito
    ... parlarti all'infinito
    ma quando ti vedo cè qualcosa che mi blocca
    ... e riesco a dire tre parole a stento
    non vorrei cadere in quei discorsi gia sentiti e risentitimille volte
    e rovinare tutto
    ... vorrei poter parlarti senza preoccuparmi,
    senza quella sensazione che non m fa dire
    che m piaci per davvero
    anche se non te lo ho detto
    e non me ne frega niente se dovrò aspettare ancora per parlarti
    ... dirti solo una parola
    ... e ti aspetto...
    aspetterò fino a quando deciderai tu
    ... deciderai di farmi entrare nella tua vita...
    o di lasciarmi fuori
    ... ma ti chiedo di non dirmi "rimaniamo solo amici"
    perché non ti posso vedere e non ti vedrò mai...
    solo come amico
    e se dovrò aspettare di vedere la neve a luglio...
    aspetterò...
    ma se te sei sicuro che la neve a luglio non potrà mai esserci...
    allora diventeremi come la neve e l'estare,
    due estranei
    che vivono solo quando l'altro non cè
    ... se non te ne fraga niente...
    non lasciarmi illudere
    non farmi credere che potrà nevicare a luglio...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alessandra Cecchini
      E non so perché
      quello che ti voglio dire lo scrivo
      quante notti spese per
      Immaginarmi insieme a te...
      Sognarti qui vicino a me
      Ma forse è giusto sia così
      Conoscerti ed illudersi.
      Sai che tra poco dovrò dirti addio
      perché qui finisce il nostro viaggio
      prenderemo due strade diverse
      te stai "diventando grande" e inizia l'università
      e io me ne resto qui ancora per un anno
      strade diverse
      posti diversi
      e sicuramente anche due destini separati
      credevo di essere piu forte.
      È bastato un solo sguardo
      per tornare a ripensare solo e solamente a te
      e non riesco a dimenticarti più
      anche se non sarò mai la persona che vorresti tu...
      era nata come una cavolata... nata come un gioco
      sei entrato in classe mia per l'interrogazione di geografia astronomica (dove avevi anche preso pure 7... )
      e io avevo detto "niente male è!? " alla mia compagna di banco.
      E da lì mi hai intrappolato nella tua ragnatela...
      ma sei come la nebbia
      totalmente inafferrabile
      tutto questo è
      è una storia vera
      è una realtà che mi spaventa un po
      una poesia piena di perché e di verità...
      qualcosa di inspiegabile
      perché... alla fine chi ti conosce?
      Dietro a quel "ciao" ogni tanto chi si nasconde!?
      Eppure io non riesco a dimenticarti...
      a dimenticare qualcuno che neanche conosco...
      che cosa assurda!
      Arrivi a scuola alle otto precise...
      qualche volta anche più tardi...
      e una volta tanto 5 minuti prima...
      ma sei sempre irraggiungibile
      arrivi velocemente e te ne vai ancora più in fretta...
      perché ho scelto di restare dentro ai guai!?
      Perché continuo questa corsa senza senso?
      Non c'è mai stata l'illusione che fosse facile
      se solo avessi le parole te lo direi
      ... ma cosa dirti!? Da dove cominciare?
      Se io sapessi cosa dire...
      se lo potessi immaginare
      dipingerei il sogno
      il sogno di poter stare con te
      se io sapessi come fare
      ti scriverei una canzone
      dove sono adesso gli occhi tuoi?
      Forse solo qualche metro un po' più in là...
      ma sicuramente lontani...
      come strade deserte,
      immensi come un mare, un cielo di stelle
      se ti scrivo solo adesso
      un motivò c'è!
      Non è san. Lorenzo, quindi niente stelle matte su questa città,
      non ci sono desideri da non dire
      il destino ha la sua puntualità...
      quante cose che non sai di me...
      ma ti vorrei far sapere...
      e vorrei dirti che
      non so che fare
      ... ti vorrei chiamare
      ma ti arrabbieresti
      e poi per cosa dirti!?
      A metà so che m bloccherei
      perché non è facile, forse nemmeno utile
      certe cose chiare dentro poi non escono,
      vorrei dirti, vorrei, ti sento vivere
      in tutto quello che faccio e non faccio ci sei tu
      seduto lì a parlare con i tuoi amici
      che bello sei, mi sembra di impazzire;
      per essere lì con te non sai cosa darei
      ti vorrei far vedere tutti i miei foglietti e le lettere che ti vorrei spedire
      ma non ho il coraggio
      e non so perché...
      o forse lo so benissimo...
      cosa ti scrivo a fare?
      Tutto questo è in utile
      perché l'unico motivo per cui continuo a pensare a te
      è perché non voglio ammettere a me stessa la verità
      quella verità che già mi hai detto a pasqua...
      la verità che vuoi pensare alla maturità
      o anche semplicemente che non ti frega niente
      come vorrei sapere l'uomo che sei
      come vorrei scoprire poi quello che vuoi...
      sei ancora indimenticabile per me
      anche se i giorni passano
      cerco un po di coraggio mentre ti guardo da lontano...
      e ancora ora non so perché ti ho scritto tutto questo...
      forse perché spero che cambi idea...
      o forse solo perché volevo buttare giu tutto quello che penso...
      ma per la prima volta sono riuscita a fare quello che volevo...
      forse cosi, buttandoti giù questo "mattone" di parole...
      ora forse riuscirò a dimenticarti più facilmente
      in bocca al lupo per tutto!
      Forse tra qualche tempo ci rivedremo...
      sicuramente diversi e cresciuti...
      arrivederci.
      Vota la poesia: Commenta