Le migliori poesie di Alda Merini

Poetessa e scrittrice italiana, nato sabato 21 marzo 1931 a Milano (Italia), morto domenica 1 novembre 2009 a Milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: luna_n_354
Ho bisogno di silenzio
come te che leggi col pensiero
non ad alta voce
il suono della mia stessa voce
adesso sarebbe rumore
non parole ma solo rumore fastidioso
che mi distrae dal pensare.
Ho bisogno di silenzio
esco e per strada le solite persone
che conoscono la mia parlantina
disorientate dal mio rapido buongiorno
chissà, forse pensano che ho fretta.
Invece ho solo bisogno di silenzio
tanto ho parlato, troppo
è arrivato il tempo di tacere
di raccogliere i pensieri
allegri, tristi, dolci, amari,
ce ne sono tanti dentro ognuno di noi.
Gli amici veri, pochi, uno?
sanno ascoltare anche il silenzio,
sanno aspettare, capire.
Chi di parole da me ne ha avute tante
e non ne vuole più,
ha bisogno, come me, di silenzio.
Alda Merini
Composta domenica 8 gennaio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Ponzalino

    Pensiero

    Sono qua rinchiuso
    Di pensieri affranto

    Senza coscienza alcuna
    Di potere il vanto

    Volgo i miei sguardi vuoti
    Occhi senza sguardo

    Voglio sentire ora
    Voci, sussurri, suoni

    Chiedo a me stesso vivo
    Dove guardare ancora

    Chiudo i miei occhi alfine
    Respiro in affanno

    Mi calmo, sento, ascolto
    Dentro di me un canto

    Ti ho trovata infine
    Musa del mio creare

    Cuore che pensa lieve
    Un pensiero, un incanto.
    Alda Merini
    Composta domenica 27 maggio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea De Candia
      C'era una manciata di semi odorosi
      nelle mie mani per te,
      e un ricordo lontano di cose accadute
      ma senza sentimento.
      Pensavo che tu fossi la mia strada,
      e ho messo calzature leggere
      perché tu mi credessi un'ombra.
      Ho vagato solitaria con te dentro la mia stoltezza.
      Non ti dissi che ero innamorata
      fino al pudore,
      finché non vidi sangue nella mia mente:
      come se partito da me
      mi avessi rapito il fulgore degli anni.
      E così ho aspettato che tu rinverdissi
      e che da erba diventassi un altare;
      ma come tutti gli altari
      ti sei fatto pietra.
      Alda Merini
      Composta sabato 11 aprile 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di