Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Alda Merini

Poetessa e scrittrice italiana, nato sabato 21 marzo 1931 a Milano (Italia), morto domenica 1 novembre 2009 a Milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Jessica Piermatti
Un giorno io ho perso una parola
sono venuta qui per dirvelo e non perché voi abbiate risposta
Non amo i dialoghi o le domande: mi sono accorta che cantavo in una orchestra che non aveva voci
Ho meditato a lungo sul silenzio, al silenzio non c'è risposta.
Io le mie poesie le ho buttate
non avevo fogli su cui scriverle.
Poi mi si sono avvicinati strani animali come uomini di antenate bestie da manicomio
qualcuno mi ha aiutato a sentirmi unica, mi ha guardato.
Pensavo che per loro non c'erano semafori, castelli e strade.
Questo posto sgangherato come il mio cervello che ha trovato solitudini.
Poi è venuto un santo che aveva qualcosa da dare
un santo che non aveva le catene, non era un malfattore,
l'unica cosa che avevo avuto in questi anni.
L'avrei seguito
finché un giorno non sapevo più innamorarmi.
È venuto un santo che mi ha illuminato come una stella.
Un santo mi ha risposto: perché non ti ami? È nata la mia indolenza.
Non vedo più gente che mi picchia e non vedo più i manicomi.
Sono morta nell'indolenza.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea De Candia

    Donna al pianoforte

    Io ti ho vista seduta al pianoforte
    e mi sei parsa un angelo, una vergine
    di certissimo aspetto – come fossi
    oggi cresciuta lì su quelle soglie
    di sveltissima musica, o fermento
    bello di donna dalle dritte spalle
    cui le dita di angelo racchiuso

    hanno impresso una curva di mistero
    mentre che all'apparenza ne gioivi
    profondamente come in veste nuova.

    E noi tutti di te ripensavamo
    cose profonde e più miracolosa
    che una vetta di sogno la tua dolce
    cara presenza ci scioglieva i nodi
    dentro il sangue del male e sollevava
    la nostr'aria nel palpito felice
    dei tuoi biondi finissimi capelli.
    Composta giovedì 31 marzo 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea De Candia

      Confessione

      Tu mi domandi per sempre,
      ma io non ho vita continua;
      ti nutrirei di attimi soltanto.
      Sono l'apparizione che dilegua,
      e il tempo che intercorre fra due tappe
      è una tregua a favore della morte.
      Io vivo nello spazio di un amplesso:
      tu stesso mi maturi senza accorgerti
      sotto il tepore delle tue carezze...
      Ma ti confesso, e credimi:
      non c'è forma di donna che continui,
      dentro di me, il rovescio dell'amante.
      Vota la poesia: Commenta