Area Riservata

Poesie di Alberto Sordi


poesia postata da: Brunason, in Poesie (Poesie vernacolari)
Me sarò chiesto cento
mille volte
io che non sò
né re né imperatore
che ho ffatto
per trovamme sta reggina
nel letto fra le bbraccia
in fonno al core
e dato sì che sei così preziosa
stasera io te vojo
dì na cosa
te c'hanno mai mannato
a quel paese
sapessi quanta gente che ce sta
er primo cittadino è amico mio
tu dije che te c'ho mannato io
e va e va
va avanti tu
che adesso c'ho da fa...
sarai la mia metà
ma si nun parti
diventi un altro po' la mia trequarti
e va e va
nun puoi sapè er piacere che me fa...
magari qualche amico te consola
così tu fai la scarpa
e lui te sola
io te ce manno sola
io te ce manno sola
sola senza de me
già che ce so
me levo st'altro peso
cò tte che fai il capoccia
e stai più su
te sei allargato troppo
senti a coso
mica t'offendi se
te do del tu
te c'hanno mai mannato
a quel paese
sapessi quanta gente che ce sta
a tte te danno la medaglja d'oro
e noi te ce mannammo tutti in coro
e va e va
chi va con la polenta e baccalà...
io so salmone
e nun me 'mporta niente
a me me piace annà contro corente
e va e va
che più sei grosso
e più ce devi annà...
e t'a ritroverai nel posto giusto
e prima o poi vedrai
ce provi gusto
sto solo scherzando
gussto sto solo cantando
uh sto solo a scherzà pardon
ma quanno alla mattina
sto allo specchio
c'è un fatto
che me bbutta giù er morale
io me ritrovo sempre
ar gabbinetto
e me ricanto addosso sto finale
te c'hanno mai mannato a quel paese
sapessi quanta gente che ce sta
così che m'encoraggio
e me consolo
cor fatto de mannammece da solo
e va e va
che si ce devi annà
ce devi annà...
tanto se te anniscondi dietro a un vetro
na mano c'hai davanti e l'altra dietro
e va e va
è inutile che stamo a litigà...
tenemoce abbracciati stretti stretti
che tanto prima o poi
ce annamo tutti
a quel paese
tutti a quel paese
tutti a quel paese
tutti a quel paese
tutti a quel paese
tutti a quel paese là.
-- Alberto Sordi (scheda)

Fai pubblicità su questo sito »