Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Sogna

I sogni non devono mai smettere
cominciamo a sognare
quando siamo nel grembo materno
Viviamo di sogni e speranze
I sogni
sono il frutto della nostra anima
del nostro cuore
I sogni sono scolpiti in ognuno di noi,
ci lasciamo accarezzare ogni notte
lasciamo che diventino realtà
Non lasciar cadere la tua mente
a un infinito oblio
Sii serena, il tuo rivolgerti a me
mi da forza di credere che qualcuno oltre questo muro c'è
In te tanto amore da dare
e da ricevere
Guardati allo specchio,
ammirati
guarda dentro te
quanto di bello e di vero
hai ancora da dare
ti assicuro
è immenso
Continua a sognare
non potrà rubarli nessuno
Sogna.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    La Befana

    La befana questo mese
    gira intorno per il paese
    Va tra monti e mare, e fiumi
    Ha con se un sacco pieno di dolci e di profumi

    Viaggia in groppa alla sua scopa
    gira gira
    mai si adira
    Si infila nelle case nei caminetti
    I bambini sanno che lei verrà hanno esposto le loro calze che lei riempirà
    Di dolci o di carboni per i bimbi
    cattivi o buoni
    Ma lei in realtà la sua mano infila lesta anche se vecchia brutta ma onesta
    un dono vuole lasciare per poi
    l'anno dopo ritornare.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Guardo

      Guardo attraverso la finestra della mia vita
      il mio passato.
      Chiudo la finestra.
      Ma riaprendola per guardare il presente
      guardo,
      ma
      nulla vedono i miei occhi.
      Allora rivolgo lo sguardo su
      a Dio
      guardo
      guardo
      guardo
      quel bagliore che dovrebbe comparire,
      ma nulla ancora oggi
      appare.
      Forse mai niente potrà essere per me futuro!
      Visto che il silenzio
      è talmente duro.
      Guardo e aspetto
      che quel brivido
      attraversi il mio cuore
      e cominci se mai ci sarà
      a scaldarmi
      dopo tanto freddo
      che mi ha lasciata assorta.
      Guardo.
      Vota la poesia: Commenta