Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Poveri ipocriti

Frasi piene di ipocrisia
quando qualcuno viene a mancare
abbiate almeno il coraggio di scrivere cio che dicevate alle spalle di quel povero ipocrita... per voi
che è venuto a mancare
Quand'era in vita cosa gli avete fatto passare?
Mano al cuore e dite lo giuro
Di la verità! Almeno per una volta
Il coraggio lo ha chi va via
che vi perdona
a voi poveri ipocriti
la ricerca del perdono,
con frasi
che in realtà
non vi appartengono
A voi ci sarà il giudizio di Dio.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Rivoluzione

    Mi chiameranno rivoluzionaria
    beh poco importa
    la legge in questo paese funziona a gocce
    da nord a sud, non siamo sulla stessa terra
    Qui amata terra del sud, vige il commiato silenzio
    a nord vige il commiato sotterfugio.
    Tutti felici tutti contenti
    tutti una banda di strafottenti.
    Poco importa chi è a pagarne le spese
    alla fine del mese si fa notizia sul TG
    o su qualche quotidiano del mercoledì.
    Nelle riviste poi sei messo in copertina
    Se sei morto stecchito
    non muovono manco un dito,
    che son scemi questi!
    Tu parli più da morta direbbero lesti
    A dirla in breve sai che c'è
    questo paese fa schifo anche a me.
    Prima i soldi, poi le opinioni
    alla fine siamo tutti un branco di...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Palla rimbalza

      Rimbalza la vita
      momenti altalenanti di una vita vissuta
      nel perfetto incredulo mio mondo
      Fidatami
      a chi mi tendeva la mano
      oggi mi accorgo più di ieri
      quanto sono furbi, chi ha cattivi pensieri
      chi vede in un uomo sofferente
      come deve toglierli tutto
      e non lasciarli più niente
      manco l'aria gli è più concessa
      anche quella gli è stata omessa
      Rimbalzano i pensieri come palle fumanti
      Rimbalza il tempo con tutti gli inganni
      tutto vengo oggi a scoprire
      mano mano che voglio e dico di partire
      Lasciare questa terra

      Lei non mi ha portato niente
      un grande vuoto solamente
      Palla rimbalza, rimbalza il mio cuore
      dimmi tu la strada migliore
      Io ho vuoti, cerco il sereno
      a me non è concesso
      sto chiedendo il permesso di essere candidato
      alla parola fine di questo reato
      Palla rimbalza, rimbalza ancora
      porta i sogni sereni di allora
      quando ero bambina
      e chiedevo la mamma a me vicina
      La sua mano la sento ancora
      nella mente vorrei dirle
      accarezzami ancora
      un minuto solamente
      Ma sono grande!
      E questo pare strano!
      Forse perché ai grandi
      non è concesso,
      io lo dico nella mente, spero
      però che avvenga veramente
      che la mia mamma posi la sua mano
      come faceva quando lei era tanto lontano
      palla rimbalza, rimbalza ancora
      dimmi tu quando arriva l'ora.
      Composta domenica 1 marzo 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        È come

        È come se questo fosse l'ultimo giorno,
        le ultime ore, gli ultimi minuti
        gli ultimi secondi
        Appaiono alla mente tanti ricordi, i più belli
        Io da bambina che correvo con le braccia spalancate
        per abbracciare la mamma, misterioso il suo profumo unico
        Uniche le sue carezze, i suoi baci poi
        quelli che solo una mamma da
        quando sei nel tuo soffice lettone semi addormentata, tra i sogni e la realtà
        Le marachelle fatte, con mille assurdità
        quelle che solo un bambino fa
        con molta ingenuità
        che alla fine fanno adirare al papà.
        Le corse in bicicletta con le amiche
        le calze corte a quella età,
        che oggi farebbero ridere
        invece noi le abbiamo portate con tranquillità
        La maternità è regalo che Dio da
        Io sono stata fortunata
        a me è stata donata
        I figli sono parte di te
        gli dai tutto il tuo amore, gli doni il cuore
        anche quando vanno via, quando chiudono la porta
        ma tu aspetti che tornino.
        Affiorano alla mente
        le risa fatte insieme
        Li porto con me
        A chi ha osato ho già perdonato
        prego per loro che non piangano dopo
        È come se... ma forse no, è un momento!
        O forse no. Sarà Dio a dirlo
        io no.
        Vota la poesia: Commenta