Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Calde incantate sere d'estate

Calde incantate sere d'estate
Seduta li aspetto che arrivi notte
Notte fonda
Dove i sogni fanno da padrone nella mia mente
Ricordi prima confusi
Poi rimescolati
Riportati al presente
scanditi
Ecco li riaffiorare piano, piano
Uno, ad uno
Ricordi, che la mia mente aveva rimosso
Affiorano, riportandomi a sofferenze vissute
avevo cancellato volutamente
per non farmi male
La voglia di annientare quel dolore provocato
lo annientava
La rabbia oggi,
di essere stata molto flebile
vulnerabile, sciocca, stupida, fino a farmi raggirare
Io che ero un soldato,
oggi uno spettatore,
che ascolta fuori dal teatro
non ha soldi per entrare
Mi nascondo, per non farmi riconoscere
le mie scarpe, la mia borsa
i miei abiti
Io irriconoscibile ai miei occhi e a quelli degli altri
Quando entravo li ...
il mio profumo, ora non più il mio
Resto la donna di sempre
pelle vellutata, sempre ordinata,
d'aspetto giovanile ma cambiata.
Ada Roggio
Composta martedì 26 maggio 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Il treno

    Fermi tutti
    Qui c'è un treno
    Il treno dell'amore
    Il treno della speranza
    Il treno della vita
    Treno trasparente
    Vive nella nostra mente
    Caccia via la falsità
    l'ipocrisia, la menzogna
    Debella ogni male,
    Riportandoti a ricominciare
    La vita è bella,
    Va vissuta
    Ogni giorno
    Ogni istante
    Dagli errori
    Puoi sempre ricominciare
    La verità dilla fino in fondo
    Sarai giudicato
    Resterai in mutande
    Salta su questo treno
    Non è mai troppo pieno.
    Ada Roggio
    Composta domenica 1 marzo 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Non fidarti

      Non fidarti.
      Non fidarti di nessuno
      Non fidarti di chi ti è troppo vicino
      Non fidarti di chi ti grida amore
      Non fidarti di chi t'invade il tuo cuore
      Non fidarti di chi ti chiama ogni istante
      Non fidarti di chi dice, fidati di me
      Non fidarti di chi ti compatisce
      Non fidarti di chi t'innalza

      Non fidarti di chi t'invita a firmare
      Non ti fidare.
      In questo mondo lagunare
      La crisi è mondiale
      Gente onesta.
      Ma valla a pescare
      Il mondo ti è cascato
      Fai quattro conti col passato
      Cerca sempre, ovunque l'onesta
      Qualcuno ancora l'ha.
      Ada Roggio
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Errori

        Errori!
        Sì,
        chi non ne fà!
        Io ne ho fatti,
        e devo dire,
        in enormi quantità.
        Chi dice io no,
        beh...
        è solo un burlone.
        Io ho guardato in faccia
        la mia vita,
        ho guardato dentro
        la mia anima,
        ho visto una donna molto spaventata,
        ma oggi sicura, decisa, determinata.
        Dagli errori si esige
        la qualità migliore della vita
        Si determina,
        e si prospera
        il futuro
        Spogliatami di tutti gli sbagli,
        ricomincio
        Sono rinata
        riabbraccio la vita
        riabbraccio loro
        il mio unico oro.
        Ada Roggio
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Verità

          Eccomi qui
          Spogliata di tutta la verità
          Finalmente mi sento bene
          Finalmente riuscirò a dormire
          Per molti ignari! Ipocriti!,
          io li chiamerei furbi,
          la vita è una grande corsa,
          è un continuo contendersi
          un pezzo di carta,
          chiamato comunemente denaro.
          Io ho deciso di:
          i soldi non sono la felicità,
          sono la sopravvivenza
          Quindi necessito solo
          dell'indispensabbile
          Voler solo vivere è un reato?
          No
          Errori si, ne ho fatti in quantità.
          Chi di voi qui,
          che passa legge furtivamente,
          o casulmente finisce su questo rigo
          errori non ne fa?
          Il non giudicare,
          è un dono di Dio.
          Io ho guardato in faccia ai miei errori,
          uno ad uno,
          li ho esaminati,
          mi sono guardata dentro,
          ho confessato a me, a Dio
          poi a l'uomo tutta la verità.
          Sai non ci vuole coraggio
          solo una grande fede in Dio.
          Ada Roggio
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di