Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Verità

Eccomi qui
Spogliata di tutta la verità
Finalmente mi sento bene
Finalmente riuscirò a dormire
Per molti ignari! Ipocriti!,
io li chiamerei furbi,
la vita è una grande corsa,
è un continuo contendersi
un pezzo di carta,
chiamato comunemente denaro.
Io ho deciso di:
i soldi non sono la felicità,
sono la sopravvivenza
Quindi necessito solo
dell'indispensabbile
Voler solo vivere è un reato?
No
Errori si, ne ho fatti in quantità
Chi di voi qui,
che passa legge furtivamente,
o casulmente finisce su questo rigo
errori non ne fa?
Il non giudicare,
è un dono di Dio
Io ho guardato in faccia ai miei errori,
uno ad uno,
li ho esaminati,
mi sono guardata dentro,
ho confessato a me, a Dio
poi a l'uomo tutta la verità
Sai non ci vuole coraggio
solo una grande fede in Dio.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Mamma

    Ho scoperto
    come meno male posso sentire
    Ho capito
    quanto meno male posso vedere
    Una goccia
    una goccia
    una goccia
    lentamente mi addormento
    Finisce questo tormento,
    che mi stringe il cuore.
    Ma!
    Amo la vita
    Vita io ci sono,
    tu ci sei?
    Allora scrollami
    fammi sognare
    fammi rivivere
    Non farmi addormentare
    Accarezzami mamma
    Cantami ancora la ninna nanna
    Mamma tienimi stretta
    a questa vita
    che la mia mente
    vorrebbe sia finita.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Si è rotto

      Sento che si è rotto quel legame
      Sento prorompente questa onda negativa
      Sento distruggere dentro
      quello che sembrava
      una stabilità
      Ma che scicca!
      A questa età!
      Ritornata ragazzina...
      Oggi mi sento una cretina
      Quando nei miei sogni
      entra l'alluvione
      stanne certo
      non è solo una opinione
      Quando nei miei sogni entrano gli eventi,
      e tasto con mano
      che sono esistenti,
      che non è solo una visione
      sono una realtà,
      scende in gola,
      un forte magone
      Mi chiedo di diventare forte
      per affrontare la sorte
      di guardare in faccia
      questa realtà,
      che ha il sapore della verità
      Tu che nascondi
      che tentenni
      non siamo più ventenni
      Prendi in mano
      con attenzione,
      questa valutazione
      di vita
      Guarda in faccia la realtà
      Abbi almeno il coraggio
      di dire la verità.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Quello che nessuno sa

        Sto pregando Dio
        Tutti i giorni
        Affinché, mi faccia venire pace
        Affinché, finisca questo supplizio
        Affinché, finisca questa farsa
        Affinché, tutti che hanno preso già,
        vivano sereni
        Affinché, tutti coloro che vivono nella menzogna,
        sopravvivano
        Affinché, tutto questo finisca
        Non trovo la motivazione, per cui io debba ancora restare
        Non trovo la motivazione, per cui io debba respirare
        Non trovo la motivazione per cui io debba gridare la verità
        Non trovo la motivazione, se questa non viene neppure considerata
        Sto pregando Dio, di riprendersi cio che di più caro mi ha dato
        Sto pregando Dio, perché non ho più fiato
        Sto pregando Dio, perché non c'è più ragione che io resti su questo letto di terra che mi fa da padrone
        mi toglie il fiato,
        mi toglie sempre tutto
        Sento il cuore che tentenna

        Non voglio più usare la penna
        Voglio solo addormentarmi
        Chiudere gli occhi definitivamente
        Con il ricordo di chi mi porto nel cuore
        e nella mia mente
        Di quando erano stretti a me, sempre vicino
        Di quando tutto era nascosto
        Di quando nessuno sapeva, ma vedeva
        Di quando tutto, per tutti era normale
        Fingevo a tutti, a me soprattutto
        Mi abbracciavo a loro
        Mi rifugiavo in loro
        Mi scordavo le pene
        Perché il più grande amore era per loro
        Gli amo troppo
        è un grande amore
        Diventato il mio unico tumore.
        Vota la poesia: Commenta