Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Frutto dell'amore

Una passione travolgente
due corpi si fondono
dando vita a una nuova vita
Il ritardo, l'ansia, l'incredulità,
la gioia, la certezza
Comincia un nuovo cammino
mai fatto prima.
Ti incammini verso un sentiero
giorno dopo giorno
Sperando, amando gia quella creatura
Frutto dell'amore
i continui controlli, lo vedi lo tocchi con mano
Senti scalciare nel tuo ventre
Lo accarezzi giurando amore eterno
Poi d'improvviso dolori lancinanti
che si accavallano
La sofferenza diventa piacevole compagna
Poi all'improvviso la vita
Il suo primo vagito
Ti unirà per la vita il cordone ombelicale
che nessuno mai potrà spezzare
Lui ad essere figlio
Tu ad essere madre.
Composta martedì 25 agosto 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Verità

    Quando scopri che un male ti sta uccidendo,
    sei solo,
    decidi di non condividerlo con il mondo,
    lo intrappoli li nel tuo cuore in attesa di...
    Nessuno capisce il tuo silenzio assordante
    Quando andrai via,
    ti accompagneranno,
    lacrime di falsità cadranno sul loro viso
    Tu sicuramente,
    Dio ti accompagnerà in Paradiso
    Loro...
    Tu li hai già perdonati
    Verità.
    Composta giovedì 27 agosto 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Infamità mortale

      Vittima d'infamità.
      Infamità.
      Hai preso tutto.
      Hai strappato il cuore.
      Infamità tu la menzogna
      che non ha vergogna.
      Alla verità,
      nessuno fa la carità.
      Qui regna l'omertà.
      Tutti hanno paura.
      Qui regna, una legge dura.
      La legge dell'imbroglio.
      Se ne vantano con orgoglio.
      l'innocente...
      Lo forzano a...
      gettarsi in mare
      lo guardano affogare
      Devono essere sicuri,
      che non potrà
      mai più parlare
      Infamità...
      Vota la poesia: Commenta