Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Perdono

Mi specchio
Chi sono
Non riconosco quel volto
Quel volto, non sono io
Foto sbiadite d'anni passati
Non sono cancellati
Rivista ieri, così per caso
in quella foto del passato
Dolce ricordo di un tempo che fu
Oggi non sono più
Oggi non c'è più
Vorrei ricucire la pelle sgranata,
lo strappo nel cuore,
i sogni, gli abbracci, l'amore che fu
Ma gli errori, portano a pensare, che nulla più può tornare
Aprì la porta, a...
ma...
Un terremoto sconvolse tutto
Avevo aperto la porta al male
Portò via tutto, anche me
Vorrei ridarti quello che tu vuoi
Ma tu sai, come io so
Che mai nulla potrà più
Perché il male affondò le sue radici
Immergendole fino a diventare tutto nullità
Solo un miracolo potrà
Affido a Dio
Il cuore mio
Chiedo perdono a te, a te, a te
Perdono
lo chiedo a Dio.
Ada Roggio
Composta lunedì 25 gennaio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Oh! Gli errori

    Ma l'uomo è fatto d'errori.
    Oh! Gli errori,
    hanno fatto l'uomo?
    Dio, creò l'uomo.
    A sua immagine, e somiglianza.
    Miracolo di Dio.
    Ma l'uomo cambiò.
    Perché?
    Perché è stato calpestato.
    Ciò che Dio ha creato?...
    Con amore Dio, ha dato il suo cuore.
    Ma l'uomo
    Lo negò.
    Lo nega.
    Compiendo quotidianamente errori.
    In questo mondo d'errori.
    Trovare parti pure,
    incontaminate,
    è un'assurda ricerca.
    Quindi, gli errori prevaricano.
    No... è il male!
    Il male?
    Si.
    Il male ha contaminato la terra, e i suoi abitanti.
    Per l'uomo via più facile
    Per sentirsi,
    padrone.
    Ada Roggio
    Composta giovedì 21 gennaio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Passano

      Passano le ore
      Presto lesto l'orologio va
      Le lancette mai stanche
      Segnano l'ora della vita che se ne va
      Passano le ore
      La vita ha un altro sapore
      Del passato ne fai un bagaglio
      Lo vorrei ripristinare
      Ma il tempo va via veloce
      Lo rincorro a gran voce
      Il tempo non si può fermare
      Al mio tempo un prezzo speciale
      Il prezzo del dono dell'amore
      Amo tutto quel che c'è
      Terra mare sole e te, te, te
      Amo voi che siete la mia vita
      Lo griderò a gran voce
      Finché Dio mi darà vita
      Passano le ore
      Passano, passano
      Una a una.
      Ada Roggio
      Composta martedì 12 gennaio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Ricordo

        Ricordo... quando ero bambina.
        La notte della Befana, la mia mamma in silenzio infilava nella mia calza accostata al mio letto,
        caramelle, cioccolata
        Ero una bambina fortunata
        Ricordo... Ricordo... Ricordo ancora. Quell'amore si riceve da una persona sola
        La mamma
        Raccontava
        Che la notte la befana
        portava con se un diario,
        Ai bimbi buoni portava doni
        Ai bambini birichini solo carbone
        Io ricordo,
        Ne facevo di marachelle!.
        Una bambina birichina
        Che sognava ad occhi aperti
        Di diventare cantante o ballerina
        Una bambina sognatrice
        Sognava di fare l'attrice
        Una bambina sempre irrequieta
        Sognava di trovare un giorno la sua meta
        Una bambina tutto fare
        Le piaceva tanto sognare
        Un mondo di colori,
        Divideva con tutti i suoi doni
        Mi addormentavo sotto le coperte,
        Ero certa di ricevere solo carboni,
        a volte piangevo cercavo i doni
        Poi la mattina era una gran festa
        Promettevo alla mamma d'essere più buona
        Ma, alla sera ricominciavo con la stessa tiritera.
        Ada Roggio
        Composta mercoledì 6 gennaio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di