Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Per te, io bugiarda!

Per te, io bugiarda!...
Le tue orecchie non vogliono sentire!
Quello che il mio cuore ha da dire
Per te bugie, bugie
Solo inesorabili bugie
Ma un giorno; quando sarai seduta, anzianotta, stanca
Quando avrai tanto tempo per ripensare
Avrai milioni di cose da ricordare
Tu oggi hai detto la tua
Io ho detto la mia
Mi hai aperto la porta sono andata via
Mandando giù il magone
Portandomi un altro peso sul groppone
Porto con me la malinconia
Lascio a te la simulata, l'allegria
Non aspettare domani per pensare
Possiamo ancora ricominciare
La verità che continui a negare
Non la vuoi ascoltare
Perché ti portano a pensare
Ricordare.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Ester

    Ester
    Bambina dai lunghi capelli neri
    Occhioni scuri, dolci sinceri
    Viveva in un paesino tanto lontano
    accompagnata a scuola da chi le dava la mano
    Un giorno la mamma!
    Un giorno un amica
    Arrivava all'autobus e saliva
    Tanti erano i bambini a lei intorno
    vi erano anche adolescenti che le stavano intorno
    Uno in particolare scuro, alto, moro, da non dover dimenticare
    Lui quell'adolescente le fece tanto male
    La teneva sempre seduta sulle sue ginocchia, anche se lei voleva correre e giocare
    Lui la teneva stretta non la faceva andare
    Un giorno così all'improvviso, le strappo dal viso il sorriso
    Ester non capiva niente, scappava via dalla gente
    Divenne irritante, irrequieta
    a nessuno riuscì a raccontare, ciò che lei aveva dovuto sopportare
    Solo il diario poteva parlare
    Lei li era riuscita a confidare che per un lungo anno non poteva scappare
    Ester poi andò via, lasciò il paesino
    Portò con se il ricordo, mai più li fece ritorno.
    Composta giovedì 20 maggio 2010
    Vota la poesia: Commenta