Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Addio

Tutto è pronto
Si
Tutto!
Valigia... vuota.
Documenti... assenti.
Stato d'animo... buono.
Sorriso... smagliante.
Vestito... quello di sempre.
Il bagaglio della vita ha coronato il vuoto che era penetrato nell'anima priva d'ogni stimolo
Un bagaglio direi al quanto ingombrante e pesante
Vita frastagliata, sempre burrascosa, ma altrettanto gioviale e festosa
D'altalenanti momenti d'apparente felicità
Mano destra sul cuore, un dolce inchino
Abbassa gli occhi
Fa sentire il tuo abbraccio a chi inconsapevole è fermo a guardare
Per il tuo ultimo saluto
Addio.
Composta giovedì 15 luglio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    All'improvviso

    Un giorno come tanti
    Un giorno di sole
    Un giorno tranquillo
    Un giorno come tanti
    Portò alla luce, l'ombra di un amaro destino che si celava dietro la quiete
    Silenzi, e ombre, riempivano il mio cielo
    Un cielo pieno di nuvoloni
    Pronti a scaturire tuoni e frastuoni
    Quell'ombra riempì il mio cuore
    Era scoppiato, mio fratello tumore
    Un tumore silenzioso ma latente
    Usciva dalla testa, non capivo più niente
    Parole, parole, parole
    Bla, bla, e qui chi ci sta?
    Ci sono io, e basta

    Sempre sola in questa casa, dal sapore amaro della solitudine
    Mi son fatta l'abitudine
    Ma che dico! Io qui impazzisco.
    E voi che siete qui ad ascoltare
    Le onde che vertiginosamente ondeggiano nel mare
    Presto non ci sarà più niente
    Un grande silenzio
    Solamente.
    Composta lunedì 5 luglio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      La vita è meravigliosa

      La vita è meravigliosa.
      Al di sopra d'ogni cosa.
      Non vi è paragone, in nessuna ragione.
      Ogni volta che tentenna, vi è un magone.
      Tempeste infuriano la mente.
      Di tutto cio che hai, non vorresti avere niente.
      Capisci all'improvviso, e ti scende una lacrima sul viso.
      Di tutto cio che hai creato l'osservi ti lascia anche il fiato.
      Ti sei attaccato a cio che alla fine non conta niente.
      Ti senti un netto deficiente.
      Gridi a te stesso Come ho potuto!
      Riprendi la vita per quel po' che ti resta.
      Vorresti cominciare a fare festa, ogni giorno ogni minuto.
      Ricominci la vita con un saluto.
      Attraversi laghi, monti, fiumi e mari.
      Non t'importa quanto ti resta.
      Ogni giorno è una festa.
      Meravigliosa è la vita.
      Non vuoi accettare,
      è finita.
      Composta venerdì 2 luglio 2010
      Vota la poesia: Commenta