Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Se

Se, quanti se...
Se avessi.
Se potessi
Se
Se
Se
Chissà.
Mi chiedo.
Una sfera magica che possa cambiare il presente!
Una sfera magica che possa cambiare il passato!
Non c'è, tutto resta.
Ognuno di noi fa parte del proprio cammino.
Ognuno di noi può essere il suo miglior amico, o il suo peggior nemico.
A volte dipendiamo dalla gente che incontriamo.
Inevitabilmente sa solo dire una parola
FIDATI DI ME.
In quel momento: se hai incontrato l'avido ti ha rubato anche l'anima,
se hai incontrato il vero amore, ti ha rubato il cuore.
Resta solo
Se.
Composta martedì 6 marzo 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Devastamento psicologico

    Vivere nella solitudine,
    diventa una maledetta abitudine.
    Quando all'improvviso il mondo si sveglia,
    il giorno ti sorride,
    il sole ti scalda,
    la notte diventa stellata.
    Vorresti ritornare a condividere le emozioni si accavallano,
    togliendo il fiato, con chi ami più della tua stessa vita.
    Ma ti accorgi che...
    Sono cambiati.
    Tutto è cambiato
    Cambiati tutti
    Ma... viene definita follia, pazzia, tutta questa euforia.
    Ti vien chiesto di fermarti, di tacere.
    Devastamento psicologico.
    Non hanno provato il maledetto sapore del pane e
    miseria, dell'incomprensione,
    della pressione psicologica,
    del maledetto silenzio...
    Devastamento psicologico.
    Lacrime,
    scivolano come fiumi in piena.
    Pensieri, si aggrovigliano, resti senza fiato
    Torna il passato
    Maledetto, sapore di un tempo malato
    Forse è meglio tornare nella solitudine mentale,
    non è poi così spettrale!
    Composta venerdì 2 marzo 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Libero

      C'è chi parte perché fugge,
      C'è chi parte per affari.
      C'è chi parte per non tornare.
      C'è chi parte ha il cuore rotto.
      C'è chi parte perché ha rimpianti.
      C'è chi parte perché ha tanti soldi.
      C'è chi parte per abitudine.
      C'è chi parte perché non ama.
      C'è chi parte perché non si sente libero.
      C'è chi parte perché ha perso tutto.
      C'è chi parte senza salutare,
      senza dare spiegazioni perché non vuol più tornare.
      Lascia libere le ali per volare,
      senza rimpianti, senza affanni.
      Vola, va via, non ti voltare, non avrai rimpianti.
      Getta la chiave di quel cassetto.
      Finalmente.
      LIBERO.
      Composta mercoledì 29 giugno 2011
      Vota la poesia: Commenta