Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Ora sai

Ora sai e sei felice
Ora sai e sei serena
Ora sai e sei consapevole che è giusto per entrambi che sia andata così
Il vostro un percorso di vita costruttivo
Il vostro un percorso irrinunciabile
Il vostro un incontro segnato dalla mano del destino
Il vostro percorso sono orme sulla sabbia di cemento il mare non può cancellare
Il vostro percorso insostituibile
Il vostro percorso unico meraviglioso
Il vostro percorso lungo intenso ma breve
Il vostro percorso di colori, musica, e sinfonie
Il vostro incontro d'affinità infinite, poche quelle proibite.
Il vostro incontro resta
Resta un meraviglioso ricordo.
Composta martedì 2 luglio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Siete la famiglia

    Non posso fare a meno di entrare in questa famiglia.
    Trovo la vita, l'amore, l'anima, il mio cuore.
    Trovo gli amici, leggo il loro cuore.
    Gli amici leggono il mio cuore.
    Ci scambiamo parole frasi d'amore per ogni occasione.
    Il modo migliore di avere un'opportunità, di stare in comunità assortita, con tanti stili di vita
    Ci scambiamo sorrisi, parole affettuose.
    Ci scambiamo opinioni, alla fine si traggono le conclusioni.
    Brutto, carino, bello, strepitoso.
    Il modo più semplice per dire mi piace, le stelline devi taggare.
    Se aggiungi le tue opinioni, risponderò con le mie conclusioni
    Come vedi questa è una bella famiglia
    Non ci si lascia, si piglia.
    Composta mercoledì 3 luglio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Invito

      Ti invito al mio funerale.
      Un invito strano! Non ne ha eguale.
      È un invito esteso per ogni ceto sociale.
      Non puoi mancare
      Mi farà piacere sapere che farai parte di questa compagnia
      Ti aspetta tanta musica, vino e sangria.
      L'allegria non può mancare è stata la prima che ho dovuto invitare.
      Vieni vestita con l'abito della festa, sceglierai un mio souvenir di quel che resta.
      E già!
      C'è chi arriva dall'eternità, e chi fa il viaggio per l'aldilà.
      E già!
      Il mio invito ti giunge come una sorpresa.
      Non è poi stata un'impresa
      La mia richiesta è un tocca sana s'invita chi si ama.
      Controllerai chi è venuto.
      E assicurati che abbia bevuto.
      Non voglio fiori, lacrime in questa festa.
      Questo invito non vuole risposta.
      Non ho usufruito della posta.
      Evviva la festa per colui che resta.
      Composta venerdì 28 giugno 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Non voglio

        A venti anni.
        Non voglio morire ho tanto da imparare, dicevo.
        Imparavo e creavo
        A trenta anni.
        Non voglio morire ho tanto da imparare, dicevo.
        Imparavo e creavo
        A quaranta anni.
        Non voglio morire ho tanto da imparare, dicevo.
        Imparavo e creavo.
        A cinquanta anni.
        Non voglio morire ho tanto da imparare dico.
        Imparo e creo.
        A volte mi sento d'essere immortale, voglio tanto imparare.
        Arriverò all'età destinata da Dio.
        Vorrò ancora imparare per continuare a creare.
        Composta mercoledì 19 giugno 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Orgoglio

          Mi manchi, mi mancherai.
          Ti manco, ti mancherò.
          Approdati sulla stessa spiaggia del non ritorno.
          Orgoglio ferito.
          Lasciate le ali mentre si spiccava il volo, siamo caduti come angeli dal cielo.
          Vite parallele, vite spezzate, vite rubate, vite separate... per sempre.
          Orgoglio ferito.
          Il cuore si ribella, passa il tempo il ricordo di noi è sempre più bello.
          Mi manchi, ti mancherò.
          Indietro non tornerò.
          Composta venerdì 21 giugno 2013
          Vota la poesia: Commenta