Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

La mamma

La mamma la ricchezza più grande dell'uomo.
Chi non ha la mamma si danna.
Chi ha la mamma la condanna.
La mamma è sempre pronta ad ascoltare,
pronta ad aiutare,
pronta a perdonare.
Le braccia della mamma sono infinite.
Lei perdona ogni tuo disprezzo a ogni suo consiglio,
a ogni sua carezza.
La mamma piange quando è sola,
il suo pensiero sempre a te vola.
La mamma è un dono per chi c'è l'ha.
Tienila stretta a ogni età,
la vita corre in fretta,
ascolta il consiglio dammi retta.
Composta giovedì 12 maggio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Credevo

    Credevo di essere invincibile.
    Credevo di essere,
    credevo.
    Invece sono.
    Sono una donna,
    una come tante, eguale,
    di carne e ossa, di spirito primordiale.
    Sorrido ai giorni
    che scorrono vertiginosamente,
    senza mai darsi un attimo di tregua.
    In un attimo sento scorrere tutta la vita,
    sgridando il mio animo dico: è presto non è finita!
    Pensa a quanto c'è ancora da sognare, da fare e da disfare.
    Rimetto in riga i miei pensieri,
    aspetto il sole che torni a splendere.
    Composta mercoledì 23 marzo 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      È finito il Carnevale

      Dal nord al sud,
      l'Italia in festa,
      dai monti al mare,
      per festeggiare, è finito il Carnevale.
      Si tramandano le tradizioni dolci fritti delle regioni.
      Frittelline e tenerelli,
      bomboloni, sfrappole, e crostoli,
      cicerchiata, bugie, tortelli, ciambelline,
      una scorpacciata di mascherine.
      Ciramiglie, crescentine,
      donzelle, favarelle,
      intrigoni, scrocca fusi,
      melatelli, menatelli,
      bastoncelli, berlingozzi,
      brugnolus, castagnole, civigliole,
      cenci, crogetti, grostoli,
      dozelle, fave mielate,
      ficuzzole, frangette,
      fravioli, brutti ma buoni, lavagnette, intrigoni,
      mistocchini, peciarini, monache pregne, scorpelle,
      pampuglie, pignolata, oriellettas, gale, galani,
      zeppole, palle del prete, rosa chitarre, taralli,
      stelle filanti, struffoli, stracci e tortelli.
      È finito il carnevale i bambini stan tutti male,
      hanno fatto indigestione di dolcetti e cose buone.
      Composta martedì 9 febbraio 2016
      Vota la poesia: Commenta