Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Piccole virgole

Oggi, magica festa.
Festa per tutti, ma non per il mio cuore.
Invano ho atteso.
Si è fatto notte.
All'improvviso.
Uno squillo.
Pronto!.
Una voce, mi mette il sorriso.
Piccole virgole d'amore.
Riescono a scaldare il mio cuore.
Sono parole semplici ma buone.
Sono regali che riceve il mio cuore.
Non mi aspetto dalla vita, grandi sorprese.
Non ho grandi pretese.
Piccole virgole, ritorna il sorriso.

A te che aspetto da tanto tempo.
Tanto tempo, che fa paura.
Questa notte la passerò più sicura.
Domani leggerai il mio cuore.
Non è scritto sulla sabbia, che il vento cancella.
Non è scritto sui muri, e qualcuno cancella.
Non è scritto sul foglio che strappi, o cancelli.
È scritto sul libro inciso per sempre.
Ti resterà il ricordo del mio cuore, che ama te solamente.
Composta mercoledì 8 dicembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    All'improvviso

    Un giorno come tanti
    Un giorno di sole
    Un giorno tranquillo
    Un giorno come tanti
    Portò alla luce, l'ombra di un amaro destino che si celava dietro la quiete
    Silenzi, e ombre, riempivano il mio cielo
    Un cielo pieno di nuvoloni
    Pronti a scaturire tuoni e frastuoni
    Quell'ombra riempì il mio cuore
    Era scoppiato, mio fratello tumore
    Un tumore silenzioso ma latente
    Usciva dalla testa, non capivo più niente
    Parole, parole, parole
    Bla, bla, e qui chi ci sta?
    Ci sono io, e basta

    Sempre sola in questa casa, dal sapore amaro della solitudine
    Mi son fatta l'abitudine
    Ma che dico! Io qui impazzisco.
    E voi che siete qui ad ascoltare
    Le onde che vertiginosamente ondeggiano nel mare
    Presto non ci sarà più niente
    Un grande silenzio
    Solamente.
    Composta lunedì 5 luglio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Oh! Gli errori

      Ma l'uomo è fatto d'errori.
      Oh! Gli errori,
      hanno fatto l'uomo?
      Dio, creò l'uomo.
      A sua immagine, e somiglianza.
      Miracolo di Dio
      Ma l'uomo cambiò
      Perché?
      Perché è stato calpestato
      Ciò che Dio ha creato?...
      Con amore Dio, ha dato il suo cuore
      Ma l'uomo
      Lo negò
      Lo nega
      Compiendo quotidianamente errori
      In questo mondo d'errori.
      Trovare parti pure,
      incontaminate,
      è un'assurda ricerca
      Quindi, gli errori prevaricano
      No... è il male!
      Il male?
      Si
      Il male ha contaminato la terra, e i suoi abitanti.
      Per l'uomo via più facile
      Per sentirsi,
      padrone.
      Composta giovedì 21 gennaio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Devastamento psicologico

        Vivere nella solitudine,
        diventa una maledetta abitudine.
        Quando all'improvviso il mondo si sveglia,
        il giorno ti sorride,
        il sole ti scalda,
        la notte diventa stellata.
        Vorresti ritornare a condividere le emozioni si accavallano,
        togliendo il fiato, con chi ami più della tua stessa vita.
        Ma ti accorgi che...
        Sono cambiati.
        Tutto è cambiato
        Cambiati tutti
        Ma... viene definita follia, pazzia, tutta questa euforia.
        Ti vien chiesto di fermarti, di tacere.
        Devastamento psicologico.
        Non hanno provato il maledetto sapore del pane e
        miseria, dell'incomprensione,
        della pressione psicologica,
        del maledetto silenzio...
        Devastamento psicologico.
        Lacrime,
        scivolano come fiumi in piena.
        Pensieri, si aggrovigliano, resti senza fiato
        Torna il passato
        Maledetto, sapore di un tempo malato
        Forse è meglio tornare nella solitudine mentale,
        non è poi così spettrale!
        Composta venerdì 2 marzo 2012
        Vota la poesia: Commenta