Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Senza amore

Senza amore
è un fiume senza acqua, senza vita
Senza amore
è la terra senza germoglio
Senza amore
è una notte senza stelle
Senza amore
è una notte senza luna
Senza amore
è un giorno senza sole
Senza amore
è una madre senza figlio
Senza amore
è un figlio senza madre
Senza amore
è una stazione senza treno
Senza amore
Una vita senza senso
Senza amore
è un grido di dolore
non avere più respiro,
non avere più battiti
Senza amore
Senza te.
Ada Roggio
Composta sabato 1 maggio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Cammina

    Suggestiva, passeggiata
    con la mente,
    A passi felpati,
    lungo il viale della vita,
    attraversi
    il sentiero
    attonita, guardandoti intorno,
    con stupore,
    il tuo sguardo attraversa il nuovo,
    il bello, i colori, gli sguardi.
    Il tuo sguardo si sofferma a guardare il brutto,
    il male, vorrebbe distogliere lo sguardo, ma...
    Una voce...
    la senti!
    Cammina, cammina, cammina
    appaiono dinanzi a te, fiori, prati, alberi fioriti, il mare!
    Il vento sembra far festa,
    lo schiumeggiar delle onde,
    attraversa i rami
    del salice piangente,
    che ondeggiando qua, e la, sembra ballino una samba
    Quella voce, la senti
    cammina, cammina, cammina,
    I raggi del sole illuminano li,
    una porta chiusa
    ferma il tuo sguardo,
    credevi fossi arrivato al capolinea? No!
    Continua
    con tutte le forze che hai nelle mani,
    ora spingi
    hai aperto la porta
    della Vita.
    Ada Roggio
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Ei...

      Ei...
      Sì a lei, ma lei dorme la notte!
      Riesce a superare tutte le avversità quotidiane, con una tranquillità pacata!
      Io signore.
      La notte non dormo
      entrano tutte le notti nei miei sogni,
      i fantasmi del passato
      chi mi ha fatto tanto male,
      chi amo e ho tanto amato
      Nella vita quotidiana
      non vi è posto per la serenità
      la libertà è andata via
      lasciando posto alla malinconia.
      Oggi lei sicuramente mi dirà, ma guarda un po' questa qua.
      Scrive, irrompe, nella vita della gente che dei suoi problemi non gliene importa niente
      Sa una cosa!
      Faccia presto, a pensare tutto questo.
      Passa un anno, un altro ancora.
      Io non vedo l'ora di tornar a far carriera, sul giornale della sera.
      Faccia lesto, faccia presto
      di metter fine a tutto questo.
      Se io quel giorno mai più ci sarò.
      Alla fine son sicura, sarà lei ad aver paura.
      Ada Roggio
      Composta martedì 21 luglio 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di