Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Rivoluzione

Mi chiameranno rivoluzionaria
beh poco importa
la legge in questo paese funziona a gocce
da nord a sud, non siamo sulla stessa terra
Qui amata terra del sud, vige il commiato silenzio
a nord vige il commiato sotterfugio.
Tutti felici tutti contenti
tutti una banda di strafottenti.
Poco importa chi è a pagarne le spese
alla fine del mese si fa notizia sul TG
o su qualche quotidiano del mercoledì.
Nelle riviste poi sei messo in copertina
Se sei morto stecchito
non muovono manco un dito,
che son scemi questi!
Tu parli più da morta direbbero lesti
A dirla in breve sai che c'è
questo paese fa schifo anche a me.
Prima i soldi, poi le opinioni
alla fine siamo tutti un branco di...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Colpe...

    Per te, è colpa mia.
    Se per te, a te, si!. Anche a te, è tutta colpa mia!.
    Di tutto cio che è accaduto,
    di tutto cio che accade,
    di tutto cio che potrà accadere,
    allora ti do, vi do, il martello, e questi chiodi.
    Per ogni mia colpa, da voi presunta,
    infilate nella mia carne un chiodo.
    È mancato il tuo guadagno, il vostro guadagno!... è colpa mia,
    infila questo chiodo nella mia carne stanca.
    Sono saltati tutti i tuoi sogni, i vostri sogni!... è colpa mia,
    infila questo chiodo nella mia carne stanca.
    Per tutti i problemi avvenuti, che avverranno, è colpa mia,
    infila questo chiodo nella mia carne stanca.
    Allora che aspetti!...
    Ribellatami, al tuo, al vostro volere.
    Infila questo chiodo nella mia carne stanca.
    Oggi,
    per tutti la colpa è solo mia.
    In difesa mia... nulla.
    Silenzio, tutto tace.
    Infila questo chiodo nella carne stanca.
    Io.
    Vestita della mia sola pelle.
    Vestita della mia sola anima.
    Vedrai, vedrete cadere il mio sangue.
    Vi disseterà!
    Vi sazierà!
    Ogni lembo della mia pelle, ogni cellula che mi appartiene, uccisa.
    Dignità estirpata. strappata, orribile infamità.
    Da vite codarde che furbescamente estirpano l'anima,
    con un sorriso gioviale.
    Ma quando finirà la tua,
    la loro sete di annientamento,
    guardati un momento dentro, nella tua, vostra anima, nel tuo, vostro cuore.
    Non credo riuscirai, riuscirete a dormire la notte.
    Tanta sofferenza, tanta quanto la tua, la vostra amata amica bugia.
    Per l'amato re del mondo... il... DENARO.
    Da sollievo, non da pace.
    Tutto il mondo tace.
    Silenzio.
    Colpe...
    Composta mercoledì 23 maggio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Si ricompone la vita

      Si ricompone la vita

      Come frammenti di puzzle,
      la vita cerca di riequilibrarsi.
      Così la mente, il cuore sopravvive a immagini e parole.
      Nel diario della vita, il tempo passato, traversie, nostalgie.
      Psicologicamente disturbata la mente vaga, tra i mistici ricordi.
      del bene, del male.
      Visioni, sguardi di follia, di un amaro disincanto.
      Dolore infinito di un figlio mai tornato, per un abbraccio mancato, follia!
      Psicologicamente disturbata, dai ricordi della tensione mentale,
      sottoposta da chi aveva la padronanza della mente che oggi ribelle a quella volontà, a quella violenza.
      Liberandomi dai folli sguardi, dalle contraddizioni dell'anima che era intrappolata.
      Oggi, gioiosa.
      Suoni ancestrali, inneggiano la visione di una armoniosa sensualità dell'anima rinata.
      Si ricompone la vita, sorride l'artista, un tempo dimenticato.
      Composta lunedì 10 gennaio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        La dedico a te

        La dedico a te.
        Incuriosita adesso leggerai
        Vuoi scoprire cosa ho da dirti?.
        Non posso permettermi di continuare a vedere, e far finta di non aver visto.
        Non posso permettermi di continuare a sentire, e far finta di non aver sentito.
        Non posso permettermi di essere tanto ipocrita, al nostro incontro sorriderti ogni volta.
        La tua è una grande carognata.
        L'amore non si compra.
        L'amore non s'illude, tu lo illudi.
        L'amore non si raggira, tu lo raggiri.
        L'amore non si beffa, tu lo beffi.
        L'amore non si deride, tu lo deridi.
        L'amore è finito, oh! non è mai esistito.
        Condannato per averti incontrato, amore malato.
        Maledetto quel giorno per lui benedetto.
        Non so come ti senti ogni notte che vai a letto.
        Sonnecchi ridendo sperando domani un giorno nuovo cosa darà.
        Adesso ci sono io.
        Accanto a me siamo tanti.
        Per dirti togliti davanti.
        Composta martedì 28 maggio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Quella voce mi toccò il cuore

          Quella voce mi toccò il cuore,
          Entrò nel profondo dell'anima
          Mi chiesi chi era.
          Ti chiesi... chi tu fossi!
          Ma nel mio cuore,
          già lo sapevo
          Cercavo tra le tue parole
          la certezza
          Quanti anni aspettai invano
          Non un gesto,
          mai una parola
          Attimi fuggenti vedevo il tuo volto,
          svanivi nel nulla
          Ma ogni volta quel nodo in gola
          Dio
          E oggi ti rivedo
          E tutto è... cambiato
          Cambiati i volti,
          ormai segnati dagli anni
          Le mente adulta, ha preso il sopravvento
          Un abbraccio fraterno, un sorriso, poche righe,
          anche se milioni sarebbero le parole da seguire
          Un saluto, no! Un arrivederci,
          ad un incontro, non tanto lontano.
          Vota la poesia: Commenta