Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Ciao, ho bisogno di te

Ciao, ho bisogno.
Ho bisogno di te.
Sei entrata a far parte di me.
Ho bisogno della tua voce.
Ho bisogno di quella pace che solo tu mi dai.
Ho bisogno di parlare.
Ho bisogno di rivivere.
Ho bisogno che tu mi ascolti.
Ho bisogno di rifugiare la mia anima.
Ho bisogno di parlare.
Ho bisogno di ritrovarmi.
Ho bisogno di ricominciare a vivere.
Ho bisogno di te.
Tu mi porti in vita.
Ho bisogno di te.
Ada Roggio
Composta giovedì 7 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Pettegolezzi

    Pettegolezzi.
    Pettegolerie.
    Pettegole.
    Viviamo in una parte del mondo.
    Viviamo in una parte della nazione
    Viviamo in una parte della regione.
    Viviamo in una parte della città.
    Viviamo in un quartiere.
    Paroline, parolone, parolette, parolacce, parole, solo parole.
    Eppure bastano poche parole per cambiarti la vita.
    Parole, parole, parole.
    Solo e soltanto parole, gettate al vento.
    Via... Volano
    Sussurrano.
    S'intrecciano.
    Accarezzano il cuore Accarezzano la mente.
    Lasciano la scia.
    Si allungano.
    Toccano il cuore Parole, non sono altro che parole... parole sole.
    Si trasformano dietro le persiane.
    Si trasformano nei vicinati.
    Si trasformano a un semplice invito, per una tazza di caffè.
    Parole, parole dette e ridette.
    Parole trasformate.
    Parole inutili.
    Parole di gente che crede di sapere tutto della tua vita, ma che in realtà non sa niente.
    Da piccoli frammenti di vita rubata dietro la persiana, pronti a gettare parole.
    Parole che attraverso un telefono, un MSN, un email, si trasformano, si ingigantiscono, feriscono.
    Uccidono la dignità, il cuore, l'anima.
    Finiscono per riempire i giornali.
    Si si potrebbe trasmettere un tg... e si!
    Se poi li vien fatta l'intervista, non c'erano, non sanno niente.
    Eppure... non eravate voi quella gente!
    Pronta a gettare nel fango, con la mano sul cuore a dire lo giuro!
    Il pettegolezzo è sempre esistito.
    Cambia quartiere, cambia vestito.
    Guarda dritto negli occhi non puntare il dito.
    Guarda dritto al cuore, non commettere un altro errore Parole, parole.
    Alla fine le tue non sono altro che parole.
    Uccidono il cuore.
    Ada Roggio
    Composta domenica 1 agosto 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di