Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Figli di genitori separati, quasi sempre schierati

Figli di genitori separati, quasi sempre schierati
Con la convinzione di riportare l'unione
Inconsapevoli dell'errore che porta il loro schieramento
Dell'inabissarsi di chi viene messo in disparte
Della maledetta solitudine
Della morte del cuore dell'anima
Figli di genitori separati, quasi sempre schierati
Difficile per loro capire, non fanno altro che soffrire
Come faranno a capire, non capiranno mai!.
Figli di genitori separati.
Amate entrambi i genitori non create altri dolori, nei vostri cuori
La separazione è un tormento, affligge tutti per un lungo tempo
Figli di genitori separati, entrambi i genitori se saranno amati
dal vostro amore può riaffiorare tra loro l'amore
Spalancate a entrambi le braccia al collo
Figli di genitori separati, non sentitevi abbandonati
l'amore resta indissolubile, indivisibile
Sempre.
Composta venerdì 28 maggio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Speranza

    Spero che domani sia un giorno migliore
    Spero che possa apparirmi il sole
    Spero che possa continuare a respirare
    Spero che possa continuare a camminare
    se non per la via per un sentiero
    Con la dignità ed essere donna di essere fiero
    Spero un giorno di essere capita
    prima che la mia vita sia finita
    Spero che resti un brutto sogno
    dei ricordi non ho bisogno
    Spero presto di cancellare
    tutto questo immenso male
    che mi porta a naufragare
    ogni volta che devo ricordare
    Una cosa sola spero che nel mio cuore
    torni il sereno
    La Speranza è un bagliore
    che arriva dritto al cuore
    Il mio io potrà finire... ma lei non potrà scomparire
    lascerò di me qua e la un segno
    Così chi legge sentirà lo sdegno
    Qualcuno dopo di me ci sarà
    si chiederà un po' qua, un po' la,
    il puzzle unirà e tanta gente capirà
    quanto male fa parlare senza sapere
    puntare il dito, godere.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Nelle tasche, niente

      Nelle tasche, niente
      Niente
      Vite finite,
      spezzate
      Dall'avido denaro,
      ormai disperato
      Nelle tasche, niente
      Niente
      Sussurri,
      frasi che si susseguono
      Nelle mani, niente
      Niente
      Niente lavoro
      Niente da poter portare a casa
      Tutti stretti
      Le case fredde
      Le tavole vuote
      Le luci spente
      Non c'è più pane
      Nelle tasche, niente
      Niente
      Ma nel cuore tanto amore,
      con la speranza che torni il calore.
      Composta sabato 26 dicembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        A te che mi scrivi

        Io ti ho perdonata
        Ho perdonato tutti voi
        Colpevoli di ascolto di voci
        a cui voi date adito
        Tu ricorda
        Sei donna!
        Dalla donna ha inizio la vita
        Dono
        di Dio
        Meraviglia la vita
        La senti crescere,
        vivere dentro te
        Dal primo istante
        la tua immaginazione vaga
        a quello che sarà il domani
        Mai cattivi pensieri,
        penetrano,
        tutto
        è per te,
        stupendo.
        Il devolvere della vita,
        col passaggio del tempo
        muta i tempi,
        che tu mai
        avresti immaginato
        Tu essere umano sei nato da una donna
        ti ha portato in grembo
        con amore e devozione
        Rispetta la donna,
        lei è te
        tu un giorno potresti essere lei
        che oggi giudichi con tanto fervore
        Il tuo indice puntato contro di lei
        È una lama nel suo cuore
        Che vuole riavere l'amore
        Quello che gli è stato estrapolato
        Quello incondizionato
        Di una madre che ama e ha tanto amato.
        Vota la poesia: Commenta