Scritta da: Lucio Dusso

La madre

Vedova, lavorò senza riposo
per la bambina sua, per quel suo bene
unico, da lo sguardo luminoso;

per essa sopportò tutte le pene,
per darle il pan si logorò la vita,
per darle il sangue si vuotò le vene. -

La bimba crebbe, come una fiorita
di rose a maggio, come una sultana,
da la materna idolatria blandita;

e così piacque a un uom quella sovrana
beltà, che al suo desio la volle avvinta,
e sposa e amante la portò lontana!...

... Batte or la pioggia dal rovaio spinta
ai vetri de la stanza solitaria
ove la madre sta, tacita, vinta:

schiude essa i labbri, quasi in cerca d'aria;
ma pensa: "La diletta ora è felice... ".
E, bianca al par di statua funeraria,

quella sparita forma benedice.
Ada Negri
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Sinfonia azzurra

    Venne in cerca di te
    nella calda notte, lungo le strade dai fanali azzurri.
    Tutte le strade, allora, la notte erano azzurre
    come le vie dei cieli,
    e il volto amato
    non si vedeva: si sentiva in cuore
    E ti trovò, o dolcezza, nell'ombra
    casta, velata d'un vapor di stelle.
    Fra quel tremolìo d'astri
    discesi in terra,
    in quell'azzurro di due firmamenti
    l'uno a specchio dell'altro, ella
    ella pure rispecchiò in te l'anima sua notturna.
    E ti seguì con passo di bambina
    senza sapere, senza vedere, tacita e fluida.
    E allor che il giorno apparve
    con fresco riso roseo su l'immenso turchino,
    non trovò più se stessa
    per ritornare.
    Ada Negri
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Nel paese di mia madre

      Nel paese di mia madre v'è un campo quadrato, cinto di gelsi.
      Di là da quel campo altri campi quadrati, cinti di gelsi.
      Roggie scorrenti vi sono, fra alti argini, dritte, e non si sa dove vanno a finire.
      La terra s'allarga a misura del cielo, e non si sa dove vada a finire.

      Nel paese di mia madre v'han ponti di nebbia, che il vento solleva da placidi fiumi:
      varca il sogno quei ponti di nebbia, mentre le rive si stellan di lumi.
      Pioppi e betulle di tremula fronda accompagnan de l'acque il fluire:
      quando nè rami s'impigliano gli astri, in quella pace vorrei morire.

      Nel paese di mia madre un basso tugurio sonnecchia sul limite della risaia,
      e ronzano mosche lucenti, ghiotte, intorno a un ammasso di concio.
      Possanza di morte, possanza di vita, nell'odore del concio: ne gode
      la terra dall'humus profondo, sotto la vampa d'agosto che immobile sta.

      Nel paese di mia madre, quando il tramonto s'insaguina obliquio sui prati,
      vien da presso, vien da lontano una canzone di lunga via:
      la disser gli alari alle cune, gli aratri alle marre, le biche all'aie fiorite di lucciole,
      vecchia canzone di gente lombarda: "La Violetta la vaaa la vaaaa... "
      Ada Negri
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Fontana di luce

        Nel marzo ebro di sole il grande arbusto
        in mezzo al prato si coprì di gialli
        fioretti: le novelle accese rame
        salenti e ricadenti con superba
        veemenza di getto dànno raggi
        e barbagli a mirarle; e tu quasi odi
        scroscio di fonte uscir da loro; e tutta
        la Primavera da quell'aurea polla
        ti si versa cantando entro le vene.
        Ada Negri
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          Giardini nascosti

          Amo la libertà dè tuoi romiti
          vicoli e delle tue piazze deserte,
          rossa Pavia, città della mia pace.
          Le fontanelle cantano ai crocicchi
          con chioccolìo sommesso: alte le torri
          sbarran gli sfondi, e, se pesante ho il cuore,
          me l'avventano su verso le nubi.
          Guizzan, svelti, i tuoi vicoli, e s'intrecciano
          a labirinto; ed ai muretti pendono
          glicini e madreselve; e vi s'affacciano
          alberi di gran fronda, dai giardini
          nascosti. Viene da quel verde un fresco
          pispigliare d'uccelli, una fragranza
          di fiori e frutti, un senso di rifugio
          inviolato, ove la vita ignara
          sia di pianto e di morte. Assai più belli
          i bei giardini, se nascosti: tutto
          mi pare più bello, se lo vedo in sogno.
          E a me basta passar lungo i muretti
          caldi di sole; e perdermi nè tuoi
          vicoli che serpeggian come bisce
          fra verzure d'occulti orti da fiaba,
          rossa Pavia, città della mia pace.
          Ada Negri
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di