Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Brunason

Patire

Trattengo il respiro,
una lacrima agli occhi,
il cuore in tumulto.

Non oso parlare:
è meglio tacere
di lacrime amare.

Tu taci, distante,
offesa, arrogante:
hai sempre ragione.

Ferisci, beffarda,
punzecchi incurante
del male che fai.

Tu ami?
Non so.
Io credo di no.

Se solo sapessi
se solo volessi,
se solo vedessi!

Il mio cuore è turbato,
ferito, piagato.
Perché continuare?

Io piango,
dispero,
ma a te nulla importa...
Composta sabato 17 dicembre 2005
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Brunason

    Passati ricordi

    Fianco a fianco
    abbiamo camminato,
    lottato, sofferto.
    Senza mai arretrare.
    Affiancati, vicini,
    compagni e amici.

    Per strade sconosciute,
    valli e colline.
    Montagne impervie,
    rigidi inverni,
    non ci hanno fermato,
    né rallentato.

    Il dolore, il sudore,
    l'amara fatica.
    L'angoscia e il soffrire
    fan parte della vita.
    Insieme alle lacrime,
    la gioia di amare.

    Pianto e risate,
    letizia ed affanno.
    Lutti e abbandoni
    di più ci han congiunti:
    insieme all'amore,
    non recano danno

    Ma ora, mi chiedo:
    s'è spento il calore?
    Svanito, disperso.
    Come fumo nel vento...
    e l'antica unità?
    Ora è ombra di sera...
    Composta giovedì 17 novembre 2005
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Brunason

      In volo

      Volo al di sopra
      dei fasti passati.
      Sorvolo dall'alto
      ad ali spiegate.

      Dischiudo le labbra
      ad un tenue sorriso.
      L'Amor or mi parla,
      e in alto mi porta.

      Toccar con un dito
      il cielo infinito!
      Sfiorare le stelle,
      bere l'aurora!

      Come un gabbiano,
      mi prese il Vento.
      Sulle ali mi porta,
      non posso cadere!

      Sorrido, esulto.
      "Un bacio ti dono".
      Respiro di Dio,
      vita dell'uomo.
      Composta sabato 17 dicembre 2005
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Brunason

        Effettti collaterali

        Una lingua tagliente
        più di una lama.
        Un cuore di pietra,
        una mano impietosa.

        Tu vivi, gaudente,
        né ti curi del male che fai.
        "Chinati tu,
        ché ti devo passar sopra"...

        Tu spargi giudizi,
        tremendi e feroci.
        In quanto a parole,
        non temi rivali!

        Ti vedi perfetto...
        Per lo meno scusabile.
        Una corona d'alloro...
        Un vero campione!

        Gli altri, al contrario,
        malvagi e perversi!
        Indegni d'amore,
        fiducia o pietà!

        Tu vedi il male
        anche dove non c'è.
        Il prossimo è astuto,
        indolente e insincero.

        Nessuno fa mai
        nulla di buono,
        se non per averne
        almeno un ritorno.

        Tu scruti ed osservi,
        tenace e protervo.
        Giudichi ognuno
        in base al tuo metro.

        Poi spargi il veleno,
        che semini alacre.
        Dilaga, si spande
        devastante e letale.

        Il povero e piccolo
        perde la pace.
        La stima s'appanna
        l'amico lo elude.

        I compagni lo evitano.
        È emarginato.
        Vinto.
        È giudicato!
        Composta sabato 17 dicembre 2005
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Brunason

          L'amico

          Non camminare avanti a me
          col tuo passo instancabile.
          Se ti allontani, intrepido,
          non potrò seguirti.

          Non trattenerti indietro,
          ché, certamente, mi perderei.
          Procedi accanto a me,
          guida paziente e sapiente.

          Piccolo con i piccoli,
          forte con i forti.
          Grande con i grandi,
          debole con i deboli.

          Non già la tua perizia
          ma la tua amicizia,
          aiuto e sostegno,
          è tutto per me.
          Composta nel dicembre 2009
          Vota la poesia: Commenta