Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi inserite da Silvia Nelli

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Silvia Nelli
Mi hai insegnato che tutto si può fare. Mi hai sorretta quando le mie gambe erano stanche e mi hai insegnato non una, ma mille volte a camminare. Mi hai indicato la strada e sei venuto a prendermi ogni volta che la smarrivo. Mi hai ricondotta a casa tra le tue braccia ogni volta che mi trovavo persa in chissà quale problema o pensiero. Hai alzato le tue braccia in segno di resa di fronte alla mia testardaggine, alla mia voglia di lottare e di andare fino in fondo! Ad ogni costo, anche di rimetterci, per poi abbassarle e dire: "Brava! Ce l'hai fatta". Hai ascoltato poche parole, ma hai comunque saputo capirmi sempre, anche nei silenzi. Odiavi le mie lacrime e ti allontanavi ogni volta che stavano per scendere. Ho pensato fosse disinteresse, ma crescendo ho capito che ti facevano troppo male. Sai babbo, sono poche le certezze nella vita e io ad averti vicino sono fortunata. Ad averti ancora con me, malgrado i problemi e la tua malattia, mi sento fortunata. Ti amo babbo.
Composta giovedì 19 marzo 2015
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Silvia Nelli
    Grazie. Grazie per avermi fatto capire che non sono sbagliata. Grazie per avermi ridato la fiducia che hanno tentato di farmi perdere. Grazie perché respiri con me, nello stesso identico ritmo mio e non ti chiedi mai quanto fiato ancora ci resti. Grazie per aver preso la mia mano, quando non volevo nemmeno esser trovata, e averla stretta dicendomi: "Sveglia! Sono qui, guardami"! Grazie, perché - nonostante tutto e tutti - ho capito che chi ama veramente qualcuno non guarda come si veste, come si pettina, quanto si trucca, ma come me ascolta solo come lo fa sentire. E io, accanto a te, finalmente mi sento migliore! Grazie amore mio!
    Composta sabato 7 marzo 2015
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Silvia Nelli
      Festa della Donna. Io oggi voglio spendere due parole per alcune di loro. Faccio i miei auguri a tutte, nessuna esclusa. Auguri a quelle donne che sanno cosa sia davvero esserlo, ma esserlo dentro. A quelle che fanno della loro anima e del loro essere il primo punto di forza. A quelle che amano essere ricordate per ciò che lasciano dopo averle vissute e non durante. Auguri a quelle donne, che da tali non vengono mai trattate. Che vengano usate, deluse e ferite. Auguri a quelle che si nascondono, ormai prive di forza e di voglia di lottare. Auguri a quelle che sono felici di esserlo e di mostrarlo al mondo con fierezza. A quelle che non hanno perso anche la voglia di alzarsi al mattino e donne non si sentono più. Alzate gli occhi donne, asciugate le lacrime, accendete il sorriso e ricordatevi sempre che le prime a sentirvi donne dovete essere voi. Non servono complimenti, frasi mielose o mille adulatori. Non serve una ricorrenza. Una vera Donna si sente donna a prescindere. Comunque sia, Buon 8 Marzo a tutte.
      Composta domenica 8 marzo 2015
      Vota la frase: Commenta