Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi inserite da Grazia Ambrosino

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo e in Racconti.

Scritta da: Grazia Ambrosino
A te, che hai riportato luce nell'ombra del mio abisso,
a te, che hai dato guizzo al mio sguardo fisso,
a te, che hai ridato colore alla visione della mia vita,
a te, che hai ridonato il tatto alle mie stanche dita,
a te, che hai vinto la scommessa del mio cuore
con la freschezza e la profondità del tuo amore.
A te scrivo, che la mia vita sei solo tu!
Ieri, come oggi e domani ancor di più!
Composta venerdì 24 gennaio 2014
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Grazia Ambrosino
    Vorrei amarti con parole nuove,
    fatte di sillabe mai viste e che emettano suoni mai uditi.
    Vorrei azzerare il significato della parola amore
    e ricrearlo con te dipingendolo con colori nuovi.
    Ne vorrei uno, anzi no, due, che incontrandosi dessero vita a folgoranti luci.
    Vorrei scoprire un nuovo senso poiché cinque sono pochi per viverti e goderti.
    Vorrei regalarti ciò che più desideri quindi,
    sperando di far cosa giusta, infiocchetto il mio cuore e
    lo offro a te!
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Grazia Ambrosino
      Al triste e all'affranto, a chi è solo e a chi ha pianto, a chi vive di rimpianto, di bugie o fantasie. A chi ha tutto ma non ha niente, a chi amore non ha in mente, il Natale porti loro il mio augurio più sincero ed un aiuto che sia vero, che ritrovi sul camino, o sotto il suo cuscino, il sapore dei suoi sogni e la fine dei bisogni.
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Grazia Ambrosino
        Per questo Natale voglio sperare in guerre di valori e pace delle sofferenze; nella strage dell'egoismo e in epidemie di altruismi; in terremoti di emozioni e nubifragi di gioiose lacrime. Augurare il suicidio della vendetta e l'omicidio dell'odio. Che il bambino tema solo di non aver giocato abbastanza e l'adulto dia calci solo alla depressione e alla solitudine e a te, donna, l'augurio che l'unica violenza che tu conosca sia il recidere un fiore per adornarti il capo.
        Composta mercoledì 16 ottobre 2013
        Vota la frase: Commenta