Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Saimon Pace

Quoco, nato sabato 13 ottobre 1990 a livorno (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Leggi di Murphy.

Scritta da: realtà
Un grido, indiretto, più forte che posso, ho lanciato, insensibile per ogni orecchio.
Ti chiedi come sia possibile?
Semplice:
Non è stato un grido lasciato, di rabbia, dolore o simile dal mio corpo, bensì una liberazione della mia anima, riuscita a colmarsi, trovando una nuova, grande parte di me stesso.
Un nuovo pezzo di puzzle è stato trovato e inserito nell'immagine opaca del mio futuro.
Un pezzo colorato, di ogni gioia pensabile, e immaginabile.
Vi sembreranno parole buttate lì.
E vi dirò,
sono parole buttate lì.
Sì avete letto bene.
Semplicemente perché spiegare, del come mi sento al momento non è possibile.
In nessun modo.
Queste semplici parole sono sentimenti, pensieri e varietà che vagano in me incontrollati, in cerca di un ordine, introvabile.
Nel caos sto trovando la gioia, e nel caos sto trovando l'ordine mio personale.
Tu sei motivo di gran parte di questo caos, e allo stesso tempo mi aiuti a rimettere ordine in tutto. Non saprei come ringraziarti o mostrarti la mia incredibile gratitudine.
Posso solo darti tutto quello che posso per il più a lungo possibile.
Anche se non mi vedi, giuro che ci sono e ci sarò in ogni momento.
Ti amo.
Composta sabato 28 luglio 2012
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: realtà
    La gente ti fa male, e ti sorride in faccia con sguardo accattivante.
    È impressionante...
    di chi ci si può fidare oggi giorno?
    La triste verità e che la maggior parte delle cose che si vedono e si sentono sono solo falsità.
    Per cosa...
    per niente.
    Persone che non sono mai state niente e nessuno continueranno per sempre a essere niente e nessuno.
    E tutte le volte che ti viene un pensiero che ti da una speranza di un miglioramento torna nuovamente un qualcosa o qualcuno che ti sega le schale e ti fa cadere, e tutto riparte da capo con i soliti dolori, e le solite delusioni.
    E noi cosa si può fare...?
    chiudiamo li occhi e cerchiamo di andare avanti lo stesso sorridendo in faccia al diavolo mentre, continua a pungerti nei fianchi con una spada rovente.
    Non smetterò mai di sorridervi in faccia.
    Non abbasso la testa solo perche non ce niente che vuol funzionare, ma una cosa me la potete credere.
    Prima o dopo saranno proprio coloro, le persone che per anni dovettero stare zitti a subire, loro andranno avanti e raggiungeranno più di ogni altra persona.
    E se avete sfortuna coloro che non raggiungeranno nulla lo stesso prima della fine dei loro giorni sicuramente si faranno giustizia da soli, peggiorando la situazione attuale per tutti tranne che per loro, perche è cosi che funziona no?...
    ogni uno guarda solo a se stesso e vuol vincere e chi non ce la fa si fa giustizia da se mortificando li altri e ricadendo nel torto per andar a fare la fine di tutti li altri.
    E essere punito a sua volta da un altra persona e cosi continuera per sempre.
    Il serpente che si morde la coda.
    L'infinito.
    Miglioramenti?
    Certo, se chiudi gli occhi li vedi ma dovrai tenerli chiusi per sempre che quando li riapri rivedrai il macabro della vita e tutto ripartirà.
    Composta domenica 3 giugno 2012
    Vota la frase: Commenta