Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Gigliola Perin

Commerciante, nato domenica 25 ottobre 1970 a Valdagno (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Racconti e in Diario.

Scritta da: Gigliola Perin
I silenzi che riempiono la mia anima. Sento che stasera qualcosa manca ed è a te che penso, a te corrono i miei auguri. Non ti auguro che tutto possa andare come vuoi, so bene che nulla succede di quello che si desidera. Ma a te auguro solo la serenità che ti manca. Non è molto ma è tutto. Per quanto ti sia concesso, sii felice, alza gli occhi al cielo magari quel piccolo fiocco bianco che scende saprà sfiorarti. Fermati ed osserva il paesaggio davanti a te, resta in silenzio, lascia che la mente ed il cuore tacciano. E ritrovala dentro di te, potrebbe stupirti sentire la pace che ti dà. Auguri mio dolcissimo amore che il ricordo possa riaffiorare e stringerti a sé.
Composta martedì 24 dicembre 2013
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Gigliola Perin
    Luci che hanno illuminato la notte per accompagnarci a questo nuovo santo Natale. Ora il giorno è pieno delle grida di gioia dei bimbi, del rumore di carta strappata dalla curiosità. Oggi è un giorno dedicato alla famiglia ed alla serenità. Ed io vi auguro i più sinceri auguri di Buon Natale.
    Composta mercoledì 25 dicembre 2013
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Gigliola Perin
      È una storia che già conosco. Hai udito il suo dolore in quelle parole scritte, le hai offerto la tua spalla per piangere i ricordi. Naturale ascoltare poi la sua voce. Passare sempre più ore con lei, abbandonando chi ti ha donato il cuore. Forse un giorno capirai che quello che hai perduto per giocare all'amore era quello che completava la tua anima.
      Composta sabato 28 dicembre 2013
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Gigliola Perin
        Capii che tu eri entrato piano in tutto il mio essere, ne componevi i pezzi che mancavano, eri e sei quella parte di me che con tanta ostinazione cercavo e mai trovavo. E non intuivo che tu eri già in me. Sentii il mio mondo finalmente prendere forma tra le tue mani mentre stringevi le mie, e mi persi dentro i tuoi occhi mentre mi dicevi ti voglio bene.
        Composta martedì 10 dicembre 2013
        Vota la frase: Commenta