Frasi di Emanuele Marcuccio

Curatore Editoriale, nato giovedì 10 gennaio 1974 a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Poesie.

Scritta da: Emanuele Marcuccio
Possiamo considerare la figura di Elettra, come il mito archetipico
di ogni donna sottoposta ad ogni genere di violenza. Cosicché,
l’unica arma di difesa che ha la donna per sfuggire alla violenza è
l’istruzione e, conseguentemente, i libri, quelli degni di questo nome e fonti di cultura per eccellenza. Senza istruzione e senza libri, la donna sarebbe vittima di ogni genere di violenza, più di quanta ne subisce oggigiorno. Similmente, possiamo considerare Oreste, come il mito archetipico di ogni difensore delle donne, ma solo per difendere e confortare Elettra. Purtroppo, molti sono gli Egisto e pochi gli Oreste.
Emanuele Marcuccio
Composta domenica 31 gennaio 2010
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Emanuele Marcuccio
    Oh, quale dolore provasti
    per la tua triste sorte,
    reietta, percossa, disprezzata!
    Ma ora, felicità insperata giunge
    alle tue pupille stanche:
    tuo fratel, creduto morto,
    è giunto alfin
    a liberarti,
    ad abbracciarti,
    a rimirarti, dolce sorella;
    quanto hai sofferto,
    che aspra guerra, a qual battaglia
    fosti risoluta, non vacillasti!
    Come montagna che giammai trema
    sotto le sferze del ciclone,
    come cascata, che vasta
    erompe precipite,
    non t'arrestasti!
    Eri pronta anche a morir,
    triste misera, cara sorella,
    erano pronti a seppellirti viva,
    pur di serrarti la bocca,
    quella bocca, che nacque
    ad indorare baci,
    una volta sposa,
    a sì nero ufficio fu deputata:
    casta fanciulla, ambra di rose,
    non soffrir più,
    riposa sul mio cuor,
    non soffrir più,
    non soffrir più!
    Emanuele Marcuccio
    Composta mercoledì 9 ottobre 1996
    Vota la frase: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di