Questo sito contribuisce alla audience di

Pensieri di Dino Di Girolamo

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie e in Racconti.

Scritta da: Dino Di Girolamo
Quante porte ho attraversato ognuna m'è costata fatica, ma con il cuore colmo d'amore è stato facile varcarle. Non riesco a voltarmi e guardare indietro, ciò che è passato m'è estraneo, di quella felicità vissuta non rimane che un sogno. Gli occhi sono asciutti, guardano lontano, in ogni respiro anche il più affannoso c'è la speranza di trovare, di cercare quella voce che mi chiama. Vedere l'immagine di te in quel sogno che ogni notte mi tormenta mi dà la forza di credere che l'amore esiste ancora, il mio cuore non batterebbe invano, i miei occhi ritornerebbero a piangere, i miei sorrisi illuminerebbero di nuovo il volto, se non credessi più all'amore non riuscirei a sopravvivere neanche per un attimo.
Composta venerdì 26 ottobre 2012
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Dino Di Girolamo
    Oggi sono qui sulla nostra panchina, piove non mi sono neanche portato un ombrello, e non riesco neanche a vedere il verde di un giardino dove noi in quei giorni di primavera avevamo lasciato il nostro amore. Ti ricordi i nostri baci? Le nostre promesse? I nostri ti amo eterni. Ti avrei amato anche se non ti avessi mai conosciuta. Avrei visto i tuoi grandi occhi, avrei sentito la tua pelle calda. Ne sono sicuro, se non ti avessi mai incontrata saresti stata il mio sogno. Amavo tutto di te, la tua gelosia il tuo orgoglio. Finivamo sempre per litigare, a noi in fondo piaceva litigare, tra baci e piccoli morsi sulle labbra per poi finire a far l'amore. Io non c'ero quando il tuo cuore ha smesso di battere, no non c'ero. Sai? Dicono che quando una persona va in cielo e comincia a piovere sono gli angeli che piangono perche il destino divide qualcosa di bello, e il nostro amore oltre ad essere bello era anche grande. Oggi come quel giorno piove, e tu sei lì tra le nuvole ed io qui in questa stupida panchina con gli occhi al cielo a prendermi le tue lacrime e sentirti ancora addosso come quei giorni di primavera.
    Composta martedì 25 settembre 2012
    Vota la frase: Commenta