Questo sito contribuisce alla audience di

Raccolta di Frasi di Telefilm


Scritta da: Martina
- Sam: Cioè... papà? Pensi davvero che fosse papà?
- Dean: Non lo so, forse.
- Sam: Beh, ma come ti è sembrato?
- Dean: Come Oprah! Era papà, sembrava papà, che ti credi?
- Sam: Cosa ha detto?
- Dean: Il mio nome.
- Sam: Tutto qui?
- Dean: Si, poi è caduta la linea. Okay, e se si tratta davvero di papà? Cosa succede se richiama?
- Sam: In che senso?
- Dean: Cosa dico?
- Sam: Pronto?
- Dean: Pronto? L'unica cosa che ti viene in mente è pronto?
Sam Winchester (Jared Padalecki), Dean Winchester (Jensen Ackles)
3ª stagione
dal film "Supernatural" di Serie TV
Vota la citazione: Commenta
    Scritta da: Martina
    - Dean: Telefoni che vanno in tilt, computer che si accendono e si spengono, eh? Tutto questo non ti dice nulla?
    - Sam: Beh, si certo ma Dean noi abbiamo già un caso.
    - Dean: Quale caso?
    - Sam: Il tuo.
    - Dean: Giusto, sì, non venire a raccontarlo a me.
    - Sam: Che altro abbiamo fatto, ultimamente, se non provare a liberarti dal patto?
    - Dean: Ci siamo inseguiti la coda, ecco cosa. Sam, abbiamo parlato con ogni professore, ogni strega, ogni individuo e ogni imbroglione da due soldi in tutto il paese. Nessuno sa nulla. In più non riusciamo a trovare Bela e quindi la Colt. Quindi finché non troviamo veramente qualcosa, mi piacerebbe fare il mio lavoro.
    - Sam: Beh, una cosa non l'abbiamo ancora provata.
    - Dean: No, Sam, no.
    - Sam: Dean, dobbiamo evocare Ruby.
    - Dean: Non voglio litigare per questo.
    - Sam: Dice di sapere come salvarti.
    - Dean: Ma non può!
    - Sam: Ah, davvero? Ne sei proprio sicuro?
    - Dean: Sì.
    - Sam: Come?
    - Dean: Perché me lo ha detto lei, va bene?
    - Sam: Cosa?
    - Dean: Me lo ha detto lei. Chiaro e semplice, che non può salvarmi. Nessuno può farlo.
    - Sam: E tu ti sei semplicemente scordato di dirmelo?
    - Dean: Sai, io me ne frego di quello che pensa quella stronza, tu dovresti fare lo stesso, quindi...
    - Sam: Quindi cosa? Ora mi nascondi dei segreti, Dean?
    - Dean: Davvero vuoi parlare di chi nasconde segreti a chi?
    [Sam se ne va]
    - Dean: Adesso dove vai?
    - Sam: Credo che andrò in Ohio.
    Dean Winchester (Jensen Ackles), Sam Winchester (Jared Padalecki)
    3ª stagione
    dal film "Supernatural" di Serie TV
    Vota la citazione: Commenta
      Scritta da: if so girl 84
      Cara Gretchen, sono stato felice di parlare con te nella tua stanza, oggi.
      Non essere nervosa per l'inizio del liceo, troverai certamente persone che ti capiranno.
      C'è una cosa che non ti ho ancora detto: ho conosciuto una persona speciale a cui non faccio che pensare... è molto diversa da tutte le altre che conosco: intelligente, divertente, bellissima... ed il fatto di averla incontrata mi da una tale emozione che mi tiene sveglio la notte...
      Se penso a qualcuno con cui parlare di questa cosa, la sola persona che mi viene in mente sei tu... e questo è il problema... perché sei tu quella per cui mi sento così...
      Penso continuamente a te, ad ogni piccola cosa che fai, all'adesivo di Elvis Costello che tieni sul quaderno di letteratura, a come sono cresciuti i tuoi capelli in questi 6 mesi, tanto che sei riuscita a farti la coda di cavallo...
      Oggi quando mi hai detto di restare a parlare dopo che Pacey se n'era andato, ho pensato che forse anche tu provavi le stesse cose per me...
      Se lo dicessi a qualcuno mi direbbe che tra noi è una cosa impossibile, che le nostre vite sono troppo differenti e che noi non siamo fatti l'uno per l'altra, ma noi ci capiamo a vicenda, ci preoccupiamo l'uno dell'altra e negli anni a venire so che lo faremo ancora...
      Tuo amico per sempre, con amore, Dawson.
      Dawson Leery (James Van Der Beek), Gretchen Witter (Sasha Alexander)
      Lettera di Dawson Leery scritta a Gretchen Witter.
      dal film "Dawson's Creek" di Serie TV
      Vota la citazione: Commenta
        Scritta da: Poetessa innamorata
        [Joey entra e appoggia dei documenti sulla scrivania di Pacey, il quale e seduto che riflette.]
        - Pacey: Beh, cosa ti è successo prima?
        - Joey: Come fai a conoscere quella ragazza?
        - Pacey: La giornalista? L'ho incontrata una volta... ad un ricevimento. Mesi fa. Non sapevo nemmeno il suo nome.
        - Joey: Perché questo non mi sorprende?
        - Pacey: Non ci siamo mai formalmente presentati. Voglio dire, ti avrebbe ucciso comportarti in modo più professionale oggi?
        - Joey: Avanti, Pacey. Voi ragazzi siete dei maiali. Insomma, secondo gli standard dei cavernicoli, io non sono la tipa professionale.
        - Pacey: e quale tipa saresti? La tipa che sa versare una tazza di caffè senza imbrattarlo su tutti i muri? Perché tu non fai parte di quel genere.
        - Joey: Questo è tutto quello che un'assistente è per te? Solo una pollastrella che versa del caffè.
        - Pacey: Non avevo capito che volessi intraprendere la carriera da assistente.
        - Joey: Perché pensi che Rich abbia licenziato Marcy? Perché ha superato i 30 anni. Hai mai notato tutte le altre assistenti che lavorano qui?
        - Pacey: Credo non esista un modo giusto per rispondere a questa domanda.
        - Joey: Sembrano tutte quante delle ragazze della rivista Maxim.
        - Pacey: Immagino di non essermene mai accorto. Perché quando entro qui, faccio il mio lavoro. Che andava abbastanza bene fino a quando sei venuta qui e mi hai sabotato.
        - Joey: Sii realistico, Pacey. Tutto quello che chiedo è solo un po' di rispetto, un po' di gentilezza umana.
        Pacey: Ma, vedi, è proprio questo il punto. Io non devo rispettarti o essere gentile con te. Tu sei la mia segretaria.
        - Joey: Oh, questo è il punto? Tu, regredito—
        - Pacey: Donna! Mi stai torturando la testa. Potresti accettare questa situazione temporanea e arrivare con un sorriso e con un po' più di grazia?
        - Joey: No. No se è così che hai intenzione di trattare le tue future assistenti. Francamente, Pacey inizio a capire il tuo sopranome.
        - Pacey: Quale sopranome?
        - Joey: Qui ti chiamano Sciocco.
        - Pacey: Chi mi chiama Sciocco?
        - Joey: Penso sarebbe non professionale per me divulgare questa informazione.
        - Pacey: Dove era la tua professionalità quando stavi versando la crema sulla gamba della giornalista?
        - Joey: Oh, per favore. Non dire "giornalista" come se non avessi stampato a fuoco il nome di quella ragazza nella tua memoria.
        - Pacey: Sai, non penso che questa sia l'arena più appropriata per dare sfogo alla tua gelosia.
        - Joey: Gelosia!? Niente affatto. Ok, si. Potrei aver avuto una specie di lapsus psicotico, ma è stato strano, davvero, perché io... perché dovrei essere gelosa?
        - Pacey: Non lo so.
        - Joey: Non è che tu non sia mai rimasto attratto dal genere d'affari sagaci, vero?
        - Pacey: Beh, ma che importa? Perché tu non sei gelosa. Giusto? Sai una cosa? Mi piacerebbe mettere per iscritto delle scuse. Prenderesti una lettera?
        [Joey lo guarda e vede Pacey con uno sguardo serio.]
        - Pacey: Avrai bisogno anche di una penna e un foglio.
        [Lui le passa una penna ed un blocchetto per gli appunti.]
        - Pacey: Cara... Signorina... Shaw... è stato... meraviglioso... [Joey si siede in una poltrona là accanto e comincia a scrivere.] incontrarla questo pomeriggio. No, no. Torna indietro. È stato incantevole incontrarla di nuovo. In ogni caso, mi piacerebbe cogliere quest'opportunità per scusarmi del comportamento della mia segretaria. [Lui si alza e si avvicina a Joey mentre continua a dettarle la lettera.] Perché lei è nuova... e molto inesperta.
        [Joey si alza e ora sono uno di fronte all'altra.]
        - Joey: Ho perso l'ultima parte. Era qualcosa di stupido seguito da qualcosa di insensato.
        [i due si fissano, allora Joey lascia cadere i fogli e la penna, poi i due iniziano a baciarsi appassionatamente e si sdraiano sopra il divano, quando Rich entra nell'ufficio.]
        - Rich: Sto andando via, Witter.
        [Joey e Pacey si fermano e lo guardano.]
        - Rich: Oddio, amico. Almeno io con la mia ho aspettato una settimana.
        [Rich scuote la testa e va via, e Pacey guarda Joey.]
        - Pacey: Maiali. Siamo tutti maiali.
        - Joey: Mm-hmm.
        Pacey Witter (Joshua Jackson), Josephine "Joey" Potter (Katie Holmes)
        Puntata 6.17
        dal film "Dawson's Creek" di Serie TV
        Vota la citazione: Commenta