Scritta da: Andrea Manfrè
Paolo: "Allora che ne dici, ti piace?... Oh, guarda che questo è l'ultimo modello: un Nokia fantastico."
Step: "Un telefonino?"
Paolo: "Forte, eh? Prende dappertutto. Pensa che l'ho avuto grazie a un amico, perché ancora non si trova nei negozi. È un N70, ha tutto ed è pure piccolo. Entra nella tasca della giacca."
Step: "Certo che ne hai di amici attivi, eh?"
Paolo: "Et voilà, visto? E poi si apre così e si può escludere il suono e vibra soltanto. Tieni."
Step: "Grazie... Un telefonino mi mancava proprio."
Paolo: "Hai già il numero: 335 808080, facile no? Sempre il mio amico della Telecom."
Step: "Bellissimo, ora però devo assolutamente fare una doccia."
Vota la citazione: Commenta
    Scritta da: Andrea Manfrè
    Paolo: "Ecco, lo sapevo, lo sapevo! Ma come mai con te finisce sempre così?"
    Step: "Ma che dici! Se la macchina l'ho appena presa!"
    Paolo: "Volevo dire che con te non si può mai stare tranquilli!"
    Step: "Ok... Va bene adesso?"
    Paolo: "Niente da fare, con te non c'è mai un attimo di tranquillità."
    Step: "Ma dai, lo sai benissimo che stavo scherzando. Non stare lì a preoccuparti, sono cambiato."
    Paolo: "Ancora? Ma quanto sei cambiato?"
    Step: "Questo non lo so, sono tornato a Roma per verificarlo."
    Vota la citazione: Commenta
      Scritta da: Andrea Manfrè
      Step: "Grazie delle birre."
      Eva (hostess): "Dovere."
      Step: "Se hai dei problemi... c'è il mio numero di Roma... È stato il mio esame al corso di grafica."
      Eva (hostess): "È andato bene?"
      Step: "Erano tutti molto soddisfatti. Hanno trovato geniale dividerlo in bianco e azzurro."
      Eva (hostess): "Carino."
      Vota la citazione: Commenta
        Scritta da: Andrea Manfrè
        Step: "Allora, vuole sapere perché sono partito?"
        Signora: "Si."
        Step: "Guardi che è una storia lunga... Si chiamava Pollo, ecco. Strano nome, vero? Ecco, è l'amico che ho perso più di due anni fa. Stava sempre insieme alla sua ragazza, Pallina. Una persona troppo forte, occhi vispi, sempre allegri, fortissima, dalla battuta facile e pungente... Io invece stavo con Babi, che era la migliore amica di Pallina."
        Vota la citazione: Commenta
          Scritta da: Andrea Manfrè
          Step: "È nervosa?"
          Signora: "Da morire."
          Step: "Tanto, signora, se è destino è destino."
          Signora: "Che vuol dire?"
          Step: "Quello che ho detto."
          Signora: "Sì, ma cosa ha detto?"
          Step: "Ha capito benissimo."
          Signora: "Sì, ma speravo di non capire. Ho il terrore degli aerei."
          Step: "Non si era capito... Pensi che la maggior parte dei disastri aerei avviene alla partenza oppure..."
          Signora: "Oppure?"
          Step: "All'atterraggio. Cioè fra poco."
          Signora: "Ma che sta dicendo?"
          Step: "La verità, signora, bisogna sempre dire la verità."
          Vota la citazione: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di