Questo sito contribuisce alla audience di

Post inseriti da Vera Santoro

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Vera Santoro
Basta con mimose e fiori, sembra di essere al cimitero il 2 novembre. Tanti fiori che domani perderanno il loro profumo, la loro bellezza, e poi per gli altri giorni si sentirà solo il tanfo delle cose vecchie. Io non sono morta, non voglio fiori. Io sono viva, voglio amore, rispetto, ma non solo dagli uomini, ma anche dalle donne.
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Vera Santoro
    Come possiamo pretendere rispetto dagli uomini se le prime a non rispettare le donne siamo proprio noi donne? Cerchiamo di essere coerenti prima con noi stesse e poi possiamo chiedere agli altri di farlo. Abbiamo in noi un dono grandissimo, quello della vita, ma lo stiamo buttando via come un fazzoletto sporco. Cerchiamo di imitare gli uomini, cerchiamo di prevalere sulle altre donne, invece di capire come siamo uniche e speciali! Siamo insicure, bene, facciamo di questa nostra insicurezza un'arma, siamo sicure, altrettanto bene combattiamo anche per chi non ce la fa, ma restiamo donne, sopratutto non combattiamo una continua guerra contro il nostro stesso sesso. Se un uomo si allea con altri uomini, forma un branco, se le donne si alleano con le altre donne, fanno un fronte. Ci crediamo libere perché possiamo uscire e scopare con chi ci piace? Bè questa secondo me non è né libertà, né dignità, la dignità è stata quella delle nostre mamme, delle nostre nonne che hanno aperto un varco nella supremazia dell'uomo e non perché diventassimo come uomini, ma affinché restassimo per sempre Donne.
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Vera Santoro
      Ho vissuto il bene e il male, ho amato il meglio e il peggio, ho odiato chi mi ha fatto del male e chi dal male non mi ha difeso. Da tutti ho appreso qualcosa e a tutti ho lasciato una parte di me. Ho combattuto guerre che non pensavo di vincere e ho perso battaglie che non pensavo di dover mai combattere. Ho chiesto perdono, ma in pochi lo hanno chiesto a me. Ho messo sempre in gioco me stessa, senza nascondermi dietro maschere e sono fiera di essere quella che sono, con le mie debolezze e le mie cicatrici, posso camminare a testa alta e guardare chi mi sta di fronte negli occhi.
      Vota il post: Commenta