Questo sito contribuisce alla audience di

Post inseriti da Silvia Nelli

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritto da: Silvia Nelli
Forse non si è capito, ma io sono fiera anche del mio essere in alcuni casi "poco educato, carino e fine"! Perché la mia pazienza per quei cervelli "limitati" è terminata. Perché la tolleranza verso gesti e azioni gratuite, volute e calcolate è finita. Perché la finezza la metto dove trovo rispetto. Di educazione ne ho da vendere, ma a chi non ne fa uso nemmeno la regalo. Sono carina per pochi eletti e scomodissima per il "mucchio" perché io amo i "veri" imperfetti e non i "finti" perfetti.
Composto mercoledì 14 settembre 2016
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Dio come è difficile amare. È come entrare in un campo di battaglia, in pieno bombardamento. In quel campo niente è semplice... mille modi diversi di vedere l'amore, di darsi e di viverlo. I dubbi e le paure di uno possono essere le certezze e le conferme dell'altro e viceversa. Niente è come sembra... ti trovi là... in mezzo al tutto e al niente contemporaneamente, con quel senso di impotenza e quelle "carte giuste" tra le dita che si alternano in modo disumano. Non esiste esercitazione né campi di addestramento per determinate battaglie. Esisti tu, l'altro e la volontà di sfidare l'impossibile per vincere. Ti trovi a sparare contro "angoli" che feriscono, per renderli morbidi e più combacianti con i tuoi. Ti scopri "cecchino" quando percorri i tuoi passi puntando un punto certo e nel momento in cui stai per sferrare il colpo ti tremano le mani, ti crolla la terra sotto i piedi e scopri cosa sia la paura. Quella paura che chi perisce sul campo dopo avere a lungo lottato conosce bene. Tu sai cosa voglia dire, sai il male che fa e soprattutto conosci quel sapore di "sangue" che si mescola con la tua saliva e i tuoi respiri. Non a tutti è concesso il privilegio di oltrepassare la linea di frontiera, trovarsi al sicuro, abbracciarsi e seppur feriti, guardarsi e dirsi: "abbiamo vinto"!
    Composto mercoledì 14 settembre 2016
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      A noi non ce ne importa niente delle vostre giustificazioni! Una volta che avete affondato il coltello, lacerato la nostra fiducia e distrutto la voglia di restare le vostre giustificazioni potete impacchettarle, metterle in frigo e conservarle per la prossima vittima. Magari... Sarete più fortunati.
      Composto lunedì 12 settembre 2016
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Dopo avercela avuta con te, ce l'ho avuta a morte con me stessa! Dio, come mi detestavo! Anche per averti dato solo una possibilità. Per aver creduto alla tua "maschera", al tuo copione e per aver fatto con il mio sentimento di un "piccolo" uomo un "grande" uomo. Oggi sorrido, sai!? Sorrido ripensando a quanto sciocca sia a volte una persona innamorata! A quanto male sia disposta a subire da chi ama. Oggi, guardandoti continuare a recitare il tuo medesimo copione, indossare la stessa maschera, io sorrido perché tu non sei più niente e mentre io mi sono ripresa la mia serenità tu continui a recitare la tua "parte" in una vita fatta di bugie, in una vita dove le più grandi bugie le hai recitate proprio a te stesso.
        Composto lunedì 12 settembre 2016
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Quante parole vorrei dirti. Parole che se per un secondo ti guardo dal di fuori mi escono a fiumi dalla bocca. Quanto coraggio hai saputo costruire, anche quello che non avevi e quanta forza hai tirato su dagli abissi più profondi per non morirci dentro. Sei stata sciocca e stupida in molte occasioni. A volte alcune cose non le volevi proprio vedere e ti rifugiavi dentro l'ennesima bugia. Ti ho visto dire un'infinità di volte: "va tutto bene", ma in realtà di "bene" ne avevi davvero poco in quel momento. Hai avanzato comunque; tra rovi, erbacce, sentieri aridi e tempeste; e non ti sei mai posta il problema di quando sarebbe finita la strada, la pena o il calvario. Hai dato attenzioni e le hai sprecate e hai dato amore e ne hai ricevuto. Hai abbracciato amici veri, puliti e sinceri e hai sbagliato alcune strette di mano, qualche inizio e anche qualche fine. Perché di sbagli ne hai fatti, di errori ne hai commessi, ma non ti è importato... te li sei caricati nel tuo bagaglio di esperienze e li hai messi al sicuro dietro il tuo senso di "responsabilità". A volte sei così strana, sfuggente quasi dannata e in altri momenti sembri fragile, pronta a crollare e a mollare tutto. Non hai avuto sconti, ma il non averli ti ha insegnato a non concederli, perché la vita non regala niente e di possibilità ne da veramente poche. Hai imparato a non sprecarle, a valutarle e a non dipingerle come qualcosa che "se non faccio oggi, pazienza... lo farò domani". L'amore poi, non ne parliamo... è qualcosa in cui non hai mai indovinato. Santo cielo! Ragazza, non ne hai "azzeccata" mezza, ma anche qua non ti sei fermata e hai continuato a credere che ogni forma d'amore va goduta, sperata e protetta, ma mai rincorsa, tradita ed elemosinata. Hai fatto molto chiasso e spesso hai saputo far parlare di te. A volte in positivo e altre in negativo. Hai scombinato mondi fatti di certezze e hai ricostruito mondi interamente distrutti e rasi al suolo. Hai davvero saputo proteggere le persone che amavi, ma non tutti hanno protetto te. Hai arricchito il cuore e la vita di molti, ma alcuni cuori li hai delusi e alcune vite lacerate. Hai tanti ricordi che non lascerai andare mai, altri li hai distrutti, ma ciò che si vede in te oggi è la certezza che anche tu sarai nei ricordi di qualcuno. Adesso rientrerò in te e ti amerò più di prima perché quello che sei non è poi così male agli occhi del mondo e credo che tutto sommato io possa essere fiera di me stessa.
          Composto venerdì 9 settembre 2016
          Vota il post: Commenta