Questo sito contribuisce alla audience di

Post inseriti da Silvia Nelli

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritto da: Silvia Nelli
Ne ho fatta di strada da allora. Quel viso così teso, poco dopo è diventato ancora più teso e gli occhi ancora più spenti. Nulla sembrava darmi pace, farmi vedere che qualcosa di bello ancora poteva esserci. Poi, improvvisamente le cose cambiano. Cambiano quando la vita ti pone delle prove difficilissime e li cominci a capire cosa davvero conta nella vita. Il periodo che è giunto dopo quella foto ha distrutto ancora di più il mio viso e mi ha tolto ogni forza fisica, ma ha riacceso dentro di me la voglia di dargli di nuovo luce, mi ha restituito la voglia di lottare. Quel periodo giunto dopo mi faceva solo ripetere a me stessa: "se supero questa non c'è più cazzi per nessuno"! Ecco! Io l'ho superata! Che mi abbia aiutata Dio, che io sia stata abbastanza forte o magari solo fortunata. Ho mantenuto la mia promessa! Il mo viso è tornato ad essere pieno di luce, io ho vinto la battaglia e adesso non c'è più cazzi per nessuno perché sono tornata a sorridere!
Composto mercoledì 14 dicembre 2016
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Amo i ribelli, i folli, quelli quasi "Senza senso"... Sì li amo. Li amo perché non ci stanno a farsi comandare, vivono di pura e sana pazzia e a guardarli in apparenza sembrano persone insignificanti. Si, amo i ribelli, ma quelli con il cuore che batte. Quelli che un cuore lo sanno usare a 360° e non solo per amare se stessi. Quelli folli a tal punto da arrivare a capire che non c'è libertà più grande di una complicità che appaga. Quelli che se li guardi da lontano non hanno un senso, ma se sai arrivare a loro e conquistarli sanno dare un senso a tutta la tua vita.
    Composto domenica 11 dicembre 2016
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Ho varcato soglie che avrebbero fatto paura anche al Diavolo. Spesso non mi è bastato attraversarle, ma ho voluto sfidare me stessa mettendomi a confronto con tutto ciò che mi trovavo di fronte. Mi sono messa in discussione così a fondo a volte da non sapere nemmeno io se ne sarei uscita. Mi sono messa nei panni degli altri, ma quanti di loro si sono veramente messi nei miei!? Anche priva di forze ho teso la mia mano a chi incontravo esausto a terra, ma una volta rimesso in piedi non ha percorso nemmeno un tratto del suo cammino con me e si è dimenticato di me e del mio gesto. Ho amato tanto, anche quando niente avevo da dare se ho amato ho dato più di ciò che avevo, ma quanto veramente io sono stata amata!? Oggi mi guardo incredula, sono viva, in piedi, piena di forza e di una fierezza che poche donne possono permettersi. Oggi non sono più degli altri... Oggi sono principalmente di me stessa!
      Composto domenica 11 dicembre 2016
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Se devi puntarmi il dito contro assicurati che il mio non abbia più motivazioni delle tue per puntare su di te. Non ho mai preteso di essere capito, compreso o sostenuto... Ho preteso solo verità e lealtà d'animo. Pensa quando agisci, pensa se le tue azioni vanno ad infrangere le promesse fatte a qualcuno. Se la tua attenzione voltata altrove dopo sarà ancora meritevole di trovare la mia. Pensa prima di agire e laddove scegli di non farlo, dopo non dipingerti vittima di ciò che tu stesso hai scelto.
        Composto giovedì 8 dicembre 2016
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          In troppi pensano che per rendere felice una donna bisogna riempirla di regali, farle fare una vita adagiata, essere sempre presente, non dimenticare nulla e non scordare mai una ricorrenza. Quante volte ho sentito qualcuno pronunciare la frase: "per rendere felici voi donne basta aprire il portafoglio". Poveri stupidi! Per rendere felice una donna basta rispettarla anche quando una qualunque vi offre un'ora di tempo tra le sue gambe. Basta fare in modo che possa sentirsi speciale esattamente come il giorno che l'avete scelta; sempre ammesso che per voi sia stata una vera "scelta". Basta amarla con semplicità, avere un pizzico di comprensione e ogni tanto magari ascoltarla. Perché una donna che si sente amata nelle cose più semplici amerà i vostri difetti, le vostre dimenticanze e farà di voi il suo re senza sottrarvi il vostro regno!
          Composto martedì 6 dicembre 2016
          Vota il post: Commenta