Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritto da: Silvia Nelli
La vita insegna quando ti fa a pezzi e quando ti regala un sorriso. La vita non risparmia niente e nessuno, ti da solo il tempo di capire per chi devi risparmiare il tempo da dedicare e a chi devi risparmiare attenzioni. La vita lascia segni non sempre cancellabili, alcuni li porti dentro per sempre. La vita la voglio vivere e per viverla amo riempirla di certezze. Amo sfidarla e fare a pezzi le barriere che mi rallentano. Amo guardarmi dentro e se necessario tornare indietro e cambiare strada. Amo valutare nuove prospettive e nuove persone. Amo scegliere solo ed esclusivamente per me. Amo la verità anche detta in modo diretto. La amo perché una bugia scivola pian piano, ma la verità resta e ti apre nuove strade... spesso proprio quelle giuste. La vita mi ha detto: "ricordati che non torno". È li che ho capito che ciò che non era sicuro di seguirmi doveva restare dietro. Amatela la vita, lei spesso non perdona e non dimentica, lei non ha tempo per il niente e ama essere riempita di sì e di sicurezze. Di costanza e di certezze. Di amore e di sincerità. Lei ama sorridere, per questo forse la sento così tanto simile a me.
Composto lunedì 15 giugno 2015
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Un giorno dissi: "ho perso una volta, non voglio perdere la seconda". Ho perso anche questa volta, ma stavolta sono felice di aver perso. A differenza della prima, dove ricordi ed emozioni sono rimasti intatti. Dove la stima per la persona è ancora alta. Dove malgrado il male ricevuto, ma causato involontariamente, io stringo nel cuore quei momenti. Li stringo così forte da amarne anche le lacrime e i due anni di dolore. Nel secondo caso invece riesco a sentire un'amarezza immane, un pensiero che giorno dopo giorno è sempre più lontano. Una mancanza che ogni giorno è sempre più fievole. Riesco solo a dire: "non ti credevo così". Questo fa di me una persona consapevole che ciò che non può meritare me non merita da me alcun rimpianto... forse proprio questa convinzione fa di me, malgrado tutto, una persona serena. Una persona che forse ancora non è pronta ad allargare le braccia a nuovi amori, ma è sicuramente una persona che sa ciò che vuole, una persona libera di ascoltare nuove emozioni e di scegliere se viverle.
    Composto sabato 13 giugno 2015
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Ringrazio chi qualche anno fa mi ha fatto male, ma male davvero. Per rinascere mi sono serviti quasi tre anni, ma quel dolore a me ha insegnato ad usare la testa, a non far finta di non vedere. Mi ha insegnato che la ragione
      può intervenire sul cuore e cancellare qualcosa che non deve più esistere. Io sono fiera e lo sarò sempre di me, perché so amare da pazzi, ma so anche capire non solo dove non ho più un motivo per restare, ma anche dove non ho più un motivo per continuare ad amare. Avrei dovuto piangere, invece mi sento forte come non mai e non ho più paura. questo mi fa capire che oggi io non ho perso, ma mi "hanno persa".
      Composto lunedì 8 giugno 2015
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Io scelgo da sola. Nella mia vita non ho mai fatto scelte per gli altri, per ciò che pensavano gli altri, ma sempre e solo con la mia testa. Ne vado fiera, e se a volte ho sbagliato meglio con la mia di testa che con quella degli altri. Puoi odiare qualcuno, che con te si è comportato (secondo te) di merda. Ma questo non significa che per questo debba odiarlo pure io. Io guardo ciò che viene fatto a me e valuto in base a questo. Posso lasciare dietro me persone che ritengo non siano più degne di starmi vicino, posso lasciare dietro me persone che amo solo perché capisco che sarebbe un dolore ancor più grande portarle con me. Ma qualsiasi cosa scelgo lo farò sempre e solo per me stessa.
        Composto venerdì 12 giugno 2015
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          C'è stato un momento nella vita in cui mi sono svegliata una mattina e mi sono ritrovata a fare cose diverse, a pensare in modo diverso. Ho cominciato a reagire in modo diverso e a rispondere in modo diverso. Non ero più disponibile, comprensiva ma anzi me ne fregavo proprio. Ero comprensiva solo verso me stessa, le mie esigenze e di cosa volesse il mondo non mi fregava. "Il dolore ci cambia" qualcuno mi disse e pensai che fosse davvero stato quel dolore a cambiarmi. Forse invece capisco solo oggi che si cambia per ben altro. Si cambia perché non si può essere sempre al top, anche quando non lo siamo per non ferire gli altri, per non farli preoccupare. Trovandosi su un'altalena emotiva vivente dove non si sa mai quando si fermerà, se si fermerà o se quella corda si spezzerà. Si cambia perché qualcosa dentro si spezza e ti fa capire che sotto a quel cuore che batte ci sei tu e ti devi amare, prima di chiunque altro perché se perdi quella parte di te non ti salverai mai più. Si cambia perché le lacrime non escono più e si tramutano in rabbia, in delusione. Si cambia perché si sceglie di cambiare. Ero cambiata, davo 2 solo se ricevevo 5, ascoltavo 1 volta se venivo ascoltata 3, capivo una volta e non c'era una seconda se non ce ne era stata alcuna per me. Poi quello che in fondo sei purtroppo non lo cambi e torni a dargli voce, perché così è giusto. Ma resta la consapevolezza dell'aver imparato a riconoscere il momento in cui devi dare e quello in cui devi togliere. Non serve diventare cattivi, basta smettere di essere stupidi. E con la consapevolezza di oggi lo fai con il sorriso di chi sa che ce la farà. Perché le lacrime hanno un prezzo altissimo che non vuoi pagare più.
          Composto domenica 7 giugno 2015
          Vota il post: Commenta