Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritto da: Silvia Nelli
Fa freddo, è notte, ma tu decidi comunque di andare sul terrazzo a fumare una sigaretta. Esci e la brezza ti irrigidisce, guardi il cielo e riesci ad intravedere poche stelle tra troppe nuvole. Ti metti lì seduta e ti immergi in uno di quei momenti di riflessione. Scorri indietro, un anno, tre anni, cinque anni, dieci anni... e ti vedi sempre lì, in qualche posto, fragile, delusa e poco serena. Allora cominci a cercarli quei rari momenti in cui la vita ti ha regalato qualche gioia, qualche piccolo momento di felicità. Sono pochi ma immensi, e te li ricordi bene. Ti ricordi la sensazione di quelle sere, di quei giorni e il crollo che li segue. Ti ricordi il dolore, la delusione, la caduta e l'immensa forza di volontà che hai dovuto trovare per superare. Ti accorgi di quanto sei cambiata in ognuno di quei momenti, quanto coraggio ti hanno insegnato le lacrime, quanta forza ti ha donato l'anima che si sgretola e quanta maturità hai appreso quando hai capito che di persone vere ce ne erano davvero poche. Ecco che capisci che diventare diffidenti non è egoismo, ma autodifesa. Capisci che imparare a guardare dritta in faccia anche la peggiore delle verità non è spavalderia, ma intelligenza. Capisci che rimandare un dolore coprendosi gli occhi ti regalerà solo una delusione più grande. Torno alla realtà, mi guardo adesso e mi rendo conto che quello che sono oggi lo devo ad ogni dolore, ad ogni lacrima e ad ogni persona sbagliata incrociata sulla mia strada. Lo devo ai momenti difficili, alle prove durissime e alle dannate difficoltà che a volte mi hanno quasi uccisa. Mi guardo e sento che anche se mi viene da piangere, ho una sensazione di orgoglio dentro che mi invade. Sono viva, sono in piedi e se sono arrivata fino a qui, superando tutto quello che ho appena rivisto dietro me... so che oggi posso andare ovunque.
Silvia Nelli
Composto mercoledì 2 dicembre 2015
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Crescendo ci sono cose che non mi va più di fare: non mi va più di correre per niente e per nessuno. Non mi va più di aspettare qualcosa o qualcuno, non mi va più di capire tutto e tutti e tollerarlo all'infinito, non mi va più di parlare di ciò che provo con persone a cui non è mai fregato niente di ciò che provo, non mi va più di perdonare e giustificare. E soprattutto non mi va più di vedere me stessa a pezzi e in lacrime, di sentirmi persa, sola e vuota. Non mi va più di subire e restare in silenzio... in certi casi della vita l'unica cosa che ancora mi va è alzare le braccia verso il cielo e gridare forte: non me ne frega più niente di nessuno! Del vostro pensiero! Del vostro giudizio! Non me ne frega più niente di capire e ascoltare! L'unica cosa di cui mi frega è rinascere e dirvi grazie per avermi insegnato che ai vincenti cadere insegna a rialzarsi... ai perdenti a restare immobili a terra a subire e piangersi addosso! Peccato; mi dispiace deludervi ma io appartengo ai primi e vi informo che mi sono appena rialzata!
    Silvia Nelli
    Composto mercoledì 2 dicembre 2015
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Le situazioni nascono per caso, ma i sentimenti nascono e basta. Non ci sono amori giusti e amori sbagliati... un amore è amore a prescindere. Non ci sono persone che sostituiscono altre, ma ci sono scelte che senti e vuoi, e altre che non senti di fare. Non si cancellano persone perché si deve... esse svaniranno da sole quando arriverà un'altra persona, che giusta o sbagliata che sia, senza che tu lo voglia e te ne accorga, prenderà il suo posto. Fino a quel giorno non ci sono parole, cose, persone e fatti che possano cambiare la direzione di un cuore.
      Silvia Nelli
      Composto mercoledì 2 dicembre 2015
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        All'improvviso arrivano due occhi che cambiano la prospettiva di tutto ciò che ti circonda; giorni, ore, minuti... problemi compresi. Arrivano quelle labbra che non smetteresti mai di fissare, di baciare e di ascoltare, perché quella voce ti da pace. All'improvviso arriva il contatto con quella mano che senti amica, malgrado in realtà sia una mano sconosciuta, ma la stringi e lo fai senza paura, senza pensare. Ora... se sei una di quelle persone che non ha paura ti lasci trasportare, se sei una di quelle che di dolore già ne ha superato tanto, troppo, rischierai di farti scappare uno di quei "famosi" treni che passano una sola volta nella vita. Ricorda: un momento che vale sarà sempre meno pesante... di un rimpianto che non tace!
        Silvia Nelli
        Composto martedì 1 dicembre 2015
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Sei l'unico che può permettersi di urlarmi contro. L'unico che può permettersi di spingermi, e puntarmi il dito contro. Sei l'unico uomo che può giudicarmi, criticarmi e dirmi che sbaglio. Tu sei l'unico uomo che può amarmi in silenzio, arrabbiarsi senza ragione e cercarmi ogni momento. Sei l'unico che può pretendere da me cuore, anima, tempo e attenzioni... il resto del mondo che aspetti... perché l'unico che ha questo privilegio sei tu: figlio mio.
          Silvia Nelli
          Composto martedì 1 dicembre 2015
          Vota il post: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di