I migliori post di Sabrina Ducci

Nato (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Sabrina
E alla fine ti accorgi che la stupidità altrui è talmente ridicola e plateale che inevitabilmente esplodi in una bella risata liberatoria. A volte l'idiozia rende ciechi alcuni individui, per cui diventa loro impossibile vedersi come veramente sono: piccoli, ignoranti e rosi da enormi complessi di inferiorità.
Sabrina Ducci
Composto domenica 24 aprile 2016
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Sabrina
    È l'incertezza di fronte a ciò che il domani potrebbe riservare che mi incatena in uno stato di allarme e impotenza. Dipendere da quello che altri decideranno mi crea difficoltà ed ansia.
    E, mentre i giorni trascorrono uguali e monotoni, realizzo che è tutto tempo prezioso che avrei potuto utilizzare per costruire il mio futuro e che invece, momentaneamente, sfuma dietro il corso della giustizia e del suo lento ingranaggio.
    Sabrina Ducci
    Composto venerdì 3 luglio 2015
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Sabrina
      Solo silenzio nel cuore, rapito e reso insensibile dal dolore. Echi di passato nell'anima, che vaga solitaria e cieca nella spessa e pesante nebbia posta sulla mia strada. Oblio nella mente, come un pietoso abbaccio mi difende dagli artigli di una solitudine imposta, ma i ricordi lottano per non svanire, resi ancor più graffianti dall'assenza di vita nella mia vita. È buio intorno a me, con le mani sfioro il mio cuore, pieno di promesse che la vita non ha mantenuto. Il tepore delle mie mani mi coccola un po', ma non riesce ad alleviare il male che si è insinuato nell'anima. Con un sospiro mi faccio cullare dal respiro dei miei figli, ma il petto fa male di fronte al senso di impotenza che soffoca ogni gesto, speranza e amore mentre la forza mi abbandona e una smorfia di dolore si unisce al silenzio della notte.
      Sabrina Ducci
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Sabrina
        Lo guardai e colsi la paura che lo stava dominando. In un attimo, il mondo intorno a lui sparì e rimase immobile, imprigionato nel turbinio dei propri pensieri, disorientato dalle urla della sua anima, tenacemente attaccata alla vita. Poi, con un cenno del capo si fece coraggio, raccolse ogni briciola di forza che conservava nel cuore e si preparò ad affrontare, in totale solitudine, l'ennesima sfida che il destino gli aveva riservato.
        Sabrina Ducci
        Composto lunedì 5 settembre 2016
        Vota il post: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di