Scritto da: Rita Calarco
In un giorno qualunque, un giorno normale esci di casa e torni con la vita cambiata. Tutte le tue certezze, tutte le sicurezze, il tuoi equilibri sconvolti, sconfitti, annegati in un mare di paure. E conosci il buio delle attese, l'ansia che uccide. In un giorno qualunque, un giorno normale tu, non sarai mai più la stessa persona di ieri. Ma in quel giorno guardi il tramonto come se lo vedessi per la prima volta, guardi ogni cosa come se fosse la prima volta. E comprendi che se ci fosse un senso al dolore forse il senso è proprio questo, potersi guardare intorno e vedere, ascoltare e notare la vita come non hai mai fatto. E conosci il valore della parola speranza, quella che ti fa combattere contro i mulini a vento, che ti rende forte anche quando ti aspetti solo di crollare. Quella che ti fa piangere di gioia e dire che da quel giorno qualunque, un giorno normale ti senti veramente felice, felice di avere tutto ciò che hai, che hai costruito e che lotti per mantenere. Felice di festeggiare ogni tappa come fosse un traguardo... il traguardo della vita. Felice di spegnere le candeline, e più sono e meglio è. Felice di abbracciare le persone che ami ogni giorno e sentire che ogni giorno è importante. Felice di scoprire che il tempo che passa è una cosa bellissima... in un giorno qualunque, un giorno normale di qualche anno fa, ho scoperto che nonostante tutte le ferite, sono una persona fortunata ad avere così tante rughe, non di vecchiaia, né di dolore, ma solo di emozione.
Rita Calarco
Composto giovedì 22 maggio 2014
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Rita Calarco
    È la semplicità la cosa che apprezzo di più al mattino, come quella dell'odore del caffè che si diffonde nell'aria, il viso di chi amo che mi guarda assonnato, il tg o la musica che ascolto in silenzio, la luce del mattino che entra decisa dalle finestre, il canto degli uccelli, la foto in cucina che guardo ogni giorno mentre mi gusto la mia dolce buona colazione. La semplicità della quotidianità.
    Rita Calarco
    Composto mercoledì 18 febbraio 2015
    Vota il post: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di