Questo sito contribuisce alla audience di

Diario


Cogli un sorriso, non farlo scappare, riempi il tuo cuore di luce e calore, rigenera gli occhi ammirando un bel fiore; sappi che l'esser potrebbe mutare. Ringrazia il Signore, se puoi respirare. Ringrazia il Signore, se puoi camminare. Ringrazia il Signore, se puoi lavorare. Ringrazia il Signore, per la luce ed il sole; per il flebile vento che carezza un bel sogno, una spiga di grano estasiata al tramonto. Svariate volte ci capita di conferire priorità esagerata ad aspetti o situazioni che non necessitano di tante, oserei dire... troppe attenzioni. Ci lamentiamo per poco, per il sol fatto che il lunedì sia l'inizio di una nuova settimana lavorativa.
Composto lunedì 20 marzo 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Avere a che fare con persone segnate dalla vita non è cosa facile. Queste persone hanno vissuto la distruzione di se stesse. Sono persone che nel dolore hanno saputo ricostruirsi e diventare più forti. Ogni volta che ritrovano il loro equilibrio niente in loro è più come prima. Hanno un senso molto alto di protezione verso se stessi perché sanno quanto costa raccogliere i pezzi. Hanno un accurato fiuto e un sesto senso ancora maggiore verso nuove situazioni. Le persone segnate dalla vita hanno capito che dare una possibilità è cosa giusta, ma perseverare nel concederne altre è lasciare che possano distruggerti ancora.
    Composto domenica 19 marzo 2017
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Anna Gattulli
      Voglio eccitare la tua anima ed il tuo cuore, ho voglia di te, della persona che è in te, racchiusa in quel piccolo scrigno che hai in mezzo al petto, che palpita, gioisce, soffre e si emoziona. Avrei voglia di accarezzare il tuo viso e sentire il sapore dei tuoi baci, i nostri corpi insieme sono una vera armonia, le nostre voci sono l'eco di una dolce melodia che si espande intorno a noi. Non si deve fare uscire solo la metà dei nostri sentimenti, essi vanno espressi sempre ed in modo totale, per poi sentire una sensazione di leggerezza e libertà. Non è un caso se il destino ci ha fatto incontrare, è così che vuole, anche se ci sono mille problemi non si può sfuggire al proprio destino ma solo rimandarlo, non soffocare mai ciò che hai dentro la tua anima che brilla e l'uomo che alberga in essa, vivila al massimo e goditi le cose belle che la vita ti offre.
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Giorgia Linho
        Ogni tanto mi imbatto nel sapientone di turno, quello che sa sempre cosa farebbe, al posto tuo, quello che elargisce consigli non richiesti sulla tua vita. Quello che della "tua" vita sicuramente ne farebbe un capolavoro, ma non della sua, no. Perché lui, al posto tuo, adesso sarebbe già affermato, perché lui, sempre al posto tuo, sarebbe già arrivato fin lì su o, per lo meno, ci avrebbe provato, ma sicuramente ci sarebbe riuscito. "Perché vedi, forse tu sei troppo umile, hai pochi obiettivi, hai poco polso, hai poche palle, hai la testa vuota, hai dei grilli che ballano assieme ai neuroni". Ecco, a volte ti imbatti in questi esseri, che mi ricordano la sorella di Napoleone, Paolina Bonaparte che, distesa languida su un divanetto, amante dello sfarzo, dava ordini alla servitù, mentre, di consueto, filosofeggiava sulla vita, senza però aver mai mosso neppure un alluce del suo pallido e marmoreo piede. Bene, anche questa volta, signori, avete detto la vostra, perché è facile essere vincenti nei panni degli altri, quando poi, nei nostri, non permettiamo a nessuno di entrarci, neppure di misurarli appena, giusto per toccarne la morbida stoffa. I miei orecchi hanno ascoltato, le mie membra hanno capito, vi ringrazio per il sermone; l'ho trovato commovente, peccato sia poco convincente, a tratti allucinante, alla fine accattivante. Grazie, vi farò sapere.
        Composto domenica 19 marzo 2017
        Vota il post: Commenta