Questo sito contribuisce alla audience di

Diario


Scritto da: Giorgio Baiardi
Il sogno, tra i miei pensieri. Per non svegliarmi e non accorgermi di essere stato poco accorto nel renderlo reale. Affinché tu non possa uscirne. Fermare tra gli occhi il tempo che se ne va per credere che ci sia una vita in più, per noi. Non c'è verità assoluta se non ci si spia dentro. La mia stella è la più luminosa stasera e tu sei troppo lontana. Come un forte vento, che lo senti per un attimo con te e subito dopo è fuggito via. Ma se correrò a fianco a lui, mi sembrerà di volare. Come una veloce occhiata che è padrona di tutto intorno. Un'occhiata in cui racchiudo anche quello che non vedo. Per non dimenticare. E tu non dimenticarti di me.
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Fily Russo
    Non importa quello che tu puoi dare in soldi, in regali, in feste, quel che importa cosa dai con il tuo cuore. Quel che dai con il cuore è quello che che conta veramente. E tu vali e il tuo cuore vale, quindi chi non è in grado di capire che hai tanto dentro e che la tua ricchezza è inestimabile, vuol dire che di te non ha capito niente e non merita nemmeno tutto il resto.
    Composto martedì 14 marzo 2017
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: milanoteca
      Quanto poco potere crediamo che abbia l'amore, e quanti usano la sua definizione convinti di descrivere ciò che provano, mentre lo confondono con un sentimento debole, passivo, sostituibile e condizionabile a seconda delle pratiche esigenze, in modo esclusivamente egoistico. Quanta poca conoscenza di ciò che questo sentimento è in grado di farci diventare, e di quanta forza sappia darci per scavalcare gli ostacoli più duri, fino a trasformarci in persone vere e decise, anche di fronte alla paura e al dubbio. Ma amiamo poco e male, per noia o per sentito dire, per solitudine o per capriccio, per moda o per civetteria... molto spesso con il calcolo e la convenienza che si addice a dei commerciali più che a degli innamorati. Ecco come muore un amore; quando pensando di provarlo lo manipoliamo a piacere nostro, o quando percependo nel profondo che ci possa aprire gli occhi e renderci davvero felici, preferiamo ucciderlo.
      Composto venerdì 10 marzo 2017
      Vota il post: Commenta