Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Paola Marcato

In attesa di un miracolo, nato domenica 20 giugno 1965 a Padova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritto da: Paola Marcato
Se non senti il Natale, se non lo senti più parte di te perché li fuori non è più lo stesso Natale, prova a recarti in una casa di riposo. Dove gli anziani la maggior parte delle volte sono stati "dimenticati" dai loro cari. Prova a parlar con loro a farti raccontare che cosa provano, e come "sentono" loro il Natale. Ti racconteranno i loro natali in famiglia, e di com'era bello ritrovarsi tutti insieme. Ti racconteranno delle "pastorelle". Di quando costruivano una stella di compensato e la pitturavano. Applicavano le luci e alimentavano il tutto con una batteria. Poi andavano tutti insieme in giro per le strade di sera. Famiglie intere a cantare la "pastorella". Al freddo e per ore. Per racimolare un po' di spicci, che anche allora si faceva fatica ad arrivare a fine mese. Prova a chiedere loro qual'era il cibo che mettevano in tavola. E con quanto amore cucinavano le loro donne se son uomini, giorni interi di preparativi per poter far onore al Natale, Natale che è simbolo di famiglia e di amore. I regali che venivano incartati, fatti a mano dalle mamme, calze, guanti, berretti, magari pieni di caramelle si. E che meraviglia scartarli. Prova a chiedere loro cosa desidererebbero per Natale. Ti risponderanno, il nostro Natale. La nostra famiglia. Porta un sorriso a loro se proprio non senti dentro te il Natale perché è scomparso li fuori. Vedrai che renderai felici loro e sarai felice anche tu. Te lo garantisco.
Composto giovedì 10 dicembre 2015
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Paola Marcato
    Mi piacciono le persone che sanno sorridere di se stesse, quelle che non contano le rughe sulla faccia, perché hanno il sapore della vita. Mi piacciono quei volti che non si nascondono dietro alle facce di qualcun altro, quelli che non hanno paura di mostrarsi al mondo per ciò che sono mi piacciono i sorrisi che brillano di umiltà, sanno dare fiducia. Adoro le persone che osano mettersi in gioco di nuovo a qualsiasi età, perché credono nell'amore, profumano di speranza. Mi piacciono i cuori semplici, quelli che non sono maniaci di grandezza, perché sono immensi, colmi, pieni di saggezza. Mi piacciono queste persone, sono speciali. Sanno che nonostante abbiano visto tanto della vita, non hanno ancora finito di imparare da essa.
    Composto sabato 5 ottobre 2013
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Paola Marcato
      Ci sono cicatrici nell'anima che continueranno a "sanguinare" per sempre e non basta un'ora di silenzio, non è sufficiente una parola di conforto, le porti dentro come un marchio indelebile perché se il corpo guarisce col tempo l'anima no. Le senti più "lievi" in alcuni momenti sì, ma non passano, la mente non dimentica ogni qualvolta sento parlare di violenza sulle donne si riapre la ferita. Io ce l'ho fatta a "superare" il dolore parlandone, liberandomi dentro. Come donna posso dire che vivo a metà perché come donna non concederò più a nessun uomo di sfiorarmi, nemmeno con un dito, finché non sarò certa che sarà amore vero, perché solo l'amore vero può sanare certe ferite dentro e non si chiama amore quando un uomo ti violenta, non si chiama amore quando un uomo ti picchia, non si chiama amore quando un uomo ti tratta come una pezza da piedi. No, non è amore tutto ciò. L'amore è principalmente fondato sul "rispetto", io ce l'ho fatta sì. E continuerò a difendere e proteggere tutte le donne che stanno soffrendo, tutte le donne che urlano in silenzio il loro dolore perché trovino il coraggio di dire basta. Un'ora di silenzio non è sufficiente, no ma in un'ora di silenzio si riesce a sentire l'urlo forte di tutte le donne che stanno soffrendo in silenzio. Io urlo: basta violenza sulle donne.
      Composto martedì 25 novembre 2014
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Paola Marcato
        Non sopporto le persone che si siedono sulla sedia più comoda. Che sputano sul piatto dove han mangiato fino a poco tempo prima. Che cambiano bandiera a seconda di dove tira meglio il vento. Non sopporto gli opportunisti, quelli che prima sparano addosso alle persone e poi le rimpiangono. Non sopporto la gente che va e che viene dalla mia vita, convinti di poter usare la mia bontà all'infinito. Non sopporto le mezze persone e nemmeno i preti falsi. Quelli che predicano bene e razzolano male. Magari calpestando il prossimo. Quelli che si nascondono dietro ai paraventi, per paura di mostrare realmente chi sono. Non sopporto le persone senza carattere, quelle che non sanno decidere e prendersi le proprie responsabilità di fronte alla vita, agli affetti. E di fronte alle proprie azioni. Non sopporto le persone che infamano, quelle che lanciano il sasso ed incolpano gli altri. Quelle che si fingono buonisti portatori di chissà quale pace, e poi le ritrovi dietro ai monitor a dichiarar chissà quale guerra. Non sopporto, ma sopporto... perché so che la vita prima o poi prepara il conto da pagare a tutti.
        Composto domenica 29 novembre 2015
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Paola Marcato
          Oggi non è un buongiorno qualunque. In poco tempo tutto è cambiato attorno a noi. Il mondo si fermi, si fermi a riflettere. È stato fatto fin troppo male finora all'umanità intera. Non siamo degni di questo mondo che ci è stato lasciato in prestito. Ognuno di noi ha una colpa. Piccola o grande che sia. Siamo tutti responsabili. Chi nell'ambito famigliare, chi nell'ambito lavorativo, chi nell'ambito religioso, ovunque ci siano rapporti umani dove regna l'odio il disprezzo la violenza, la cattiveria, la mancanza di rispetto verso il prossimo. C'è qualcosa da cambiare ed in fretta. Se vogliamo salvare e salvarci. Ognuno porti dentro di sé la consapevolezza che è necessario cambiare, prima dentro di noi. Guardare il mondo con occhi nuovi, diversi. Ed iniziare ad aver rispetto. Per tutti i doni meravigliosi che ci dà. Se vogliamo essere degni di questo mondo, degni di questa vita, iniziamo ad amare. Questo mondo e questa vita. Non ci sarà un'altra occasione. La pace inizia da te.
          Composto domenica 15 novembre 2015
          Vota il post: Commenta