Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Michele Sannino

Ministero della Giustizia, nato lunedì 23 luglio 1962 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Sannino Michele
Un suono silenzioso irrompe nel buio, una melodia penetra nel cuore senza fargli male. Lascia solo una dolce sensazione, un momento tenero. Un frastuono mi invade il silenzio, non lo ascolta. È il desiderio che ho per te in me, è un pensiero che ti porta qui nelle mie braccia e ti stringo forte nei miei silenzi.
Composto venerdì 15 luglio 2016
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Sannino Michele
    Non smettere è il primo gesto di rispetto che devi avere per te stesso. La rabbia è una offesa che ti fai. Non degna di un vero guerriero. Ognuno ha le sue pene, le sue lacrime, e pochi sono così forti da vivere con le propri dolori, ferite. Son pochi sì, quelli che solo se li guardi riesci a dire con volontà "che stupenda persona è" e io lo so che tu sei una di quelle, e io ti ammiro per il rispetto che hai di te combattendo, cadendo, e rialzandoti per dire no alle ingiustizie della vita. Non mollare mai!
    Composto venerdì 15 luglio 2016
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Sannino Michele
      Continua, respingimi e lasciar andar via la sola persona che vuole amarti. Chiudi la porta e continua a lasciar andar via quello che i tuoi occhi cercano, quello che il tuo cuore vorrebbe ma non sa tenere stretto. Continua non fermarti fino a quando resterai da sola, fino a quando in un giorno qualunque ti volterai e mi cercherai in quel giorno che non sarà diverso per me. Il tempo in questa vita porta via tante cose, e non sempre restituisce, il passato è passato, ed è meglio lasciarlo lì dove è quello che resta è che hai perso chi ti amava così tanto, amava ciò che sei, quella che vedevo solo nei sogni, quella che è riuscita a far innamorare come mai nessuno e riuscito, si ti amavo così tanto da lasciare che il tempo ti porti via da me.
      A darti quello che i tuoi occhi vedono, quello che il tuo cuore non potrà comprendere e fino a quando non mi cercherai nella speranza di ciò che non potrà ritornare.
      Composto mercoledì 25 maggio 2016
      Vota il post: Commenta