Post di Leo Martoni

Nato venerdì 25 novembre 1988 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Leo M.
Abbiamo fatto l'amore con gli occhi, ancora prima che i nostri corpi si incontravano in quella notte gelida; ancor prima che le mie labbra sfioravano le tue; che immenso dono che sei, quei capelli di velluto che scivolano sul mio corpo, che profumano di vita e quel profumo lo porto addosso. Ancora. Bella come sei, da far invidia alle stelle più luminose in cielo. Ti vorrei incontrare di nuovo in quel palpito di vita, sfiorare le tue mani, chissà se accetterai ancora le mie. Immensa come sei.
Leo Martoni
Composto lunedì 16 gennaio 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Leo M.
    C'eravamo stretti quella notte come non mai, la mia mano nella tua, pioveva forte fuori e dentro noi, ma niente ci faceva paura. Sulle sponde di quel fiume avevamo fatto l'amore per poi scappare lontano da qualsiasi altra forma di male che fino a quel giorno s'era insidiato nelle nostre vite. Nulla era semplice da quel punto in poi, ma stavamo insieme ed era quella la cosa importante.
    Leo Martoni
    Composto lunedì 11 gennaio 2016
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Leo M.
      Alcune situazioni della vita ti segnano e troppo anche. Ti fanno alzare un muro irraggiungibile per chiunque, un muro alto, immenso, di cemento armato, un cuore duro ormai... immensamente duro, la vita ti segna con le sue parole, le sue finte emozioni, i suoi gesti, ogni giorno un mattone in più, per questo muro neanche un sorriso neanche un abbraccio, e ogni volta che avviene ti senti estraneo a quel mondo, ti fermi e pensi: ma dove mi trovo?
      Pochi sorrisi, gli stessi finti, poche occasioni di vivere realmente, penso a volte al futuro a quello che verrà: che ne sarà? Alla paura di mettersi in gioco, non c'è proprio la forza di mettersi in gioco, alle miriadi di delusioni che ti hanno trasformato in una statua senza sentimenti, senza via d'uscita, uno schifo immondo, che nessuno merita, si presentano sempre le solite situazioni, sempre le solite occasioni... ogni anno, da anni sembra la stessa ruota, e ti ritrovi a consigliare a persone che la loro vita dura l'hanno segnata e ti condizionano ti dicono: guarda la vita è una merda non credere a nulla e a nessuno, e ti fanno sentire come loro diventi come loro, un automa senza speranza, senza sorrisi, senza nulla. Ma non sei questo, la vita non è questo, sono arrivato ad un punto senza ritorno, così dal lavoro come in amore non era questo quello che sognavo e speravo, ogni volta è così. Ti ritrovi fin da giovane a portare avanti situazioni difficili. Affronti e guardi la vita in maniera diversa, credendo a poco o niente, il mio Dio che a volte sento e mi da forza a volte invece brontolo nel buio, il buio delle tre del mattino, così lo chiamo, perché le tre del mattino è il buio più assoluto, è dove si concentrano pensieri e parole, nervosismi, dove si concentra la giornata e quello che sei realmente, quello che dai e quello che ricevi, è concentrato tutto lì. Cosa deciderai di fare ancora? Lascerai farti guidare o sarai una volta e per tutte tu a guidare? Quello che voglio è un lavoro sereno, il mio lavoro sereno, la mia vita serena, e nient'altro!
      Leo Martoni
      Composto venerdì 6 maggio 2016
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Leo M.
        Un'altra notte e passata e tu ancora non sei restata, ancora una volta hai preferito il buio della solitudine piuttosto che la luce delle nostre passioni, luce che incanta, luce che dà forza, luce unica. Deluso ancora dell'ennesimo colpo al cuore che tu hai inflitto senza pudore. Mi lascio andare a quello che sarà, dell'amore nessuno ha capito niente, perché è semplice e non dice niente, rispetta e agisce senza troppe parole, solo con passione, e volontà di andare!
        Leo Martoni
        Composto lunedì 22 febbraio 2016
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Leo M.
          Dormi dolcemente su petali di rosa come il colore delle tue labbra, come la voglia di baciarti, come l'ancóra che mi appiglia a te, dormi sognando mondi diversi, stelle incantate che luccicano come il tuo sorriso, ancora impresso nella mia mente, ma ancora distante. Fa quei sogni che ti svuotano l'anima per ricaricarsi di nuovo durante il giorno insieme a me, riempiti di ogni raggio di sole che vedi al mattino e se per caso una nuvola intacca il tuo cammino ricorda ancora che sei stesso tu un sole prezioso e che lo porti dentro. Ed io non posso far altro che nutrirmi di questo sole, non posso far altro che nutrirmi di te, lasciarti entrare potente dentro me, perché ti voglio più che mai e ancora non sei parte di me, ma l'idea di quello che sarà non può far altro che rendermi un uomo migliore, diverso, quello dei tuoi sogni che poco a poco diventano anche i miei, realizzandosi semplicemente stando insieme.
          Leo Martoni
          Composto venerdì 20 novembre 2015
          Vota il post: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di