Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Ivan Cuba

La mia, nato martedì 1 marzo 1966 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Ivan cuba
Quelli come me sono folli, ti fanno battere il cuore, quelli come me incendiano l'anima, la fanno ardere solo sfiorandoti, quelli come me ti fanno impazzire. A quelli come me non dici addio, ti allontani, ma non andrai via mai realmente, sono quelli come me che fanno paura, mordono la vita, ti fanno sorridere, emozionare, assaporare la vita. Quelli come me non pensano a ieri, non pensano a domani, vivono l'oggi, perché quelli come me non scelgono, è la vita che li sceglie. Quelli come me ti amano senza schemi, senza controllo. Quelli come me sono talmente folli, che quando amano l'ho fanno totalmente! Quelli come me non ti vivono, vivono per te per sempre!
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Ivan cuba
    Tu mi hai dato molto di più, a volte senza saperlo. Tu il battito del mio cuore quando era affranto, la luce che teneva viva l'anima nei momenti bui di una lacrima, tu il mio sorriso tra i denti nonostante il dolore. Sempre tu nella musica, nei baci senza fine nelle parole e in quell'abbraccio nei giorni freddi d'inverno. Mi stringevi, lasciavo andare la tristezza e mi sentivo meno solo, allora c'eri tu, accompagnavi ogni pensiero che parlava di noi.
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Ivan cuba
      Nei tuoi occhi c'è qualcosa di meraviglioso, indefinito, tra la bellezza di un tramonto ed il sorgere del sole all'alba di un nuovo giorno, è quello che ha rubato il mio cuore, è quello che ha legato assieme le nostre anime proprio lì, nel profondo degl'occhi. Tutto quello che guardandoci ci hanno raccontato di noi lo porterò sempre con me ovunque andrò, ovunque andrai. Perché comunque e ovunque ci sarà sempre un noi.
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Ivan cuba
        Queste righe le dedico a te papà, a te che guidato i miei passi, a te che hai formato il mio carattere, a te che hai dato un senso alla mia vita, a te che ci sei sempre stato anche quando meno lo meritavo, a te che hai dedicato la tua vita alla famiglia, ai valori e principi, a te che mi hai insegnato il rispetto, il valore della vita, il sacrificio. A te dedico queste parole che non bastano a darti l'importanza che hai avuto nella mia vita. Dai primi passi alle stupidità della gioventù, fino ai giorni che da uomo ho ridato a te il mio braccio, la mia forza, il rispetto per avermi dato così tanto, che non è bastato il mio esserti vicino nell'affanno dei tuoi passi, nel tremore della tua mano, nello sbiadire dei ricordi dovuti ad una maledetta malattia che ti ruba le immagini preziose della tua vita, che toglie la dignità e lascia dolore a chi ti ha amato e quel vuoto che aumenta fin l'ultimo respiro. Adesso spero che la tua essenza sia legata a quella della mamma e siate insieme per l'eternità come giusto che sia e per il vostro eterno amore. Grazie di cuore, perché tutto ciò che sono diventato, lo devo a te e alla mamma.
        Composto martedì 27 novembre 2012
        Vota il post: Commenta