Post di Giovanni Battista Quinto

Dott. in Scienze della Formazione e dell'Educazion, nato sabato 24 giugno 1978 a Lauria (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie e in Frasi per ogni occasione.

Ogni volta che capita qualche brusca variazione di rotta nella nostra illusoria tranquillità paesana, ci meravigliamo, chiediamo a noi stessi ed al prossimo il perché, i "come è possibile" ecc. Ogni volta restiamo a bocca aperta, stupiti, e ripetiamo con insistenza: "la realtà sta cambiando, cosa possiamo farci?".
È possibile fare molto, tanto. Partendo da noi, dal nostro modo di agire nella società. C'è tanta incuria, troppo menefreghismo; poco attaccamento ai valori reali e profondi, legame indissolubile con realtà superficiali (inutile surplus).
Ma la situazione più tragica è presente nell'incapacità (o nel rifiuto categorico) di cogliere i disagi interiori che questi ragazzi fragili portano nel cuore. Cerchiamo di motivarli, in unione di spirito e ragione, verso interessi veri, sensati; non abbandoniamoli mai! Ingrassiamo fanciullini come maialini d'allevamento e questo aspetto, probabilmente, ci consola, facendoci sentire genitori migliori..., ma: il cibo nulla può, se un ragazzo non riceve la giusta attenzione, l'idonea educazione!
Non dite di si ai vostri figli. Abbiate il coraggio di dir di no! Non ingrassate i pancini dai tessuti elastici, ma riempite il loro cuore di affetto vero. Troppi ragazzi in disagio sociale, troppi fanciulli che crescono in solitudine; troppa apatia, infinita noia che sfocia sovente in rabbia ed in rancore.
Educare non è per niente facile..., ma provare non nuoce.
Giovanni Battista Quinto
Composto martedì 23 maggio 2017
Vota il post: Commenta
    Buongiorno, c'è chi vedrà davanti a sé un giorno lungo e faticoso, chi vivrà un altro dì in tristezza, chi si lascerà prendere dallo sconforto, chi prenderà tutto con leggerezza. Comunque vada non lasciate che la noia vi porti via nel vuoto dell'esistenza, nel nulla della coscienza, nella materialità che non ha giustificazioni; fatevi prendere dal dubbio e dalle obiezioni, cercate di scoprire il perché di questo nuovo giorno; con discrezione, con tatto ed amore: per se stessi e per l'altro; in unione di cuori. Ricordate di non mettere da parte mai voi stessi per far piacere a qualcun altro.
    Giovanni Battista Quinto
    Composto sabato 20 maggio 2017
    Vota il post: Commenta
      Mentre un malinconico suono insiste nell'atrio d'una Stazione vagando solitario ed inerme, sconcertato e deluso, ed insinuando melodie negli algidi cuori distratti e affaticati dai rumori di città, da telefoni impazziti sempre pronti a squillar, un uomo s'aggira nel vuoto immergendo i suoi pensieri nella nebbia e nell'attesa. Non più parole, non più sguardi, non più emozioni; soltanto silenzio: sorrisi rivolti allo schermo, scatti subitanei ed iracondi nell'apparente silenzio traditore; tutto ciò, per me, è solo scherno! Circondati da mille fandonie continuiamo a vagar nell'ombra, nel nulla d'uno stolido ed incerto cammino, trascinati nell'arido miraggio d'un futuro senza età, senza senso, senza più umanità. Non vuole il mio esser prodromo di catastrofi imminenti, ma siamo sulla via del non ritorno, sulla via che conduce alla diffusa indifferenza, alla non conoscenza, all'ignoranza sentimentale. I cuori continuano a battere, ma quel battito, senza amore, è destinato a perdersi nel mondo. No, non sono un misoneista, ma credo ancora nella reale innovazione. Cerco l'innovazione da sempre, ma non vedo futuro nella odierna tecnologia. Il futuro non credo possa colorarsi di nuove gioie, se come automi ci aggiriamo nel labirinto delle illusioni, dell'indifferenza; né penso sia presente in un telefonino o nella fantascienza, ma nei sentimenti e nella stima reciproca. Oggigiorno si parla e si chatta con emeriti sconosciuti distanti migliaia di km, ma non si ha il coraggio di guardare in volto a chi, deluso, ci tende la mano.
      Molto amareggiato.
      Giovanni Battista Quinto
      Composto sabato 13 maggio 2017
      Vota il post: Commenta
        L'ispirazione dorme silente in un cuore che soffre, nell'uomo che "tace". Da sempre presente tra sogno e realtà, è pronta a "scattare" nel dolce momento, nel triste rimpianto, nell'intimo istante in cui l'anima anela a capire il mistero; il perché d'ogni cosa; dell'incerto vagare. Non credo nella ispirazione poetica, nelle "fatiche letterarie" (chi ama e sente qualcosa non prova fatiche di nessun genere), nelle vene od arterie; se ci siano o meno, non è cosa che possa riguardarmi; ma credo fermamente nella passione, quella che è presente nell'anima e che non puoi scacciare. La passione non è incostante, ma costante; è impulsiva, fastidiosa talvolta! Un fuoco che brucia e che non riesco, personalmente, ad estinguere; è più forte di me. Vorrei tanto andare via da questo social per non scrivere più. Non voglio scrivere più, vorrei starmene per conto mio, nel silenzio. Solo una cosa sostengo: non esistono vene, non esistono periodi. Basta un commento, una frase, una parola, un bel fiore o semplicemente l'alba per meditare e scriverci sopra.
        Giovanni Battista Quinto
        Composto martedì 26 aprile 2016
        Vota il post: Commenta
          Compassione ovvero "patire con". Si soffre se l'altro soffre, si gioisce se l'altro gioisce, si fa di tutto per render felicità al prossimo. La compassione se ne infischia di egoismi, di pensieri malsani, di invidie, di prepotenze o dell'illusione d'onnipotenza, di chiacchiere espresse in svariate lingue per sfoggiare la propria cultura. Va a braccetto con l'umiltà, con la dolcezza d'animo, con i sorrisi offerti ad un bambino; la compassione, talvolta, sembra essere soltanto una deliziosa illusione; vana speranza posta lì, ad illuminare il nostro cuore rattristato. Buon martedì.
          Giovanni Battista Quinto
          Composto martedì 4 aprile 2017
          Vota il post: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di