Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: GENNY CAIAZZO
Quando non ci sarò più tutto ciò che ho vissuto acquisterà valore e diranno che ero un grande si parlerà di me come non hanno mai parlato e rimpiangeranno gli abbracci mai dati e le parole mai dette, la mia famiglia sarà devastata da una sofferenza senza limiti saranno lacerati da un dolore incancellabile rivivendo tutte le incomprensioni perché darebbero la loro vita per non farti andare via prima di loro, chi ti attaccava e ti faceva del male ti elogerà come un Dio dirà che eri il migliore e le porte che aspettavi si aprissero si apriranno tutte. Ogni lama pronta a ferire diventerà diamante le pietre tirate in faccia saranno fiori profumati quando non ci sarò più si capirà tutto ciò che non volevano capire e le sofferenze che ti torturavano saranno spine nel loro cuore, scriveranno il tuo nome sui muri, ti ricorderanno con una foto in tasca, da povero disgraziato diventerai grande uomo, avrai tutti gli elogi tenuti chiusi nel cassetto, sarai un esempio di vita, quella stessa vita che ti hanno fatto odiare, non si dimenticheranno di me mi porteranno luci e fiori e chi non ha voluto dirmi che mi amava verrà su quella gelida lapide e sottovoce mi sussurrerà...
Composto martedì 11 dicembre 2001
Vota il post: Commenta
    Scritto da: GENNY CAIAZZO
    Cos'è che mi da i brividi e mi fa assalire dall'ansia che mi fa tremare nel buio della solitudine che sconvolge i miei pensieri facendomi sentire un folle, la vita sembra dover dipendere da ciò che fai, la mia vita si accende solo se ci sei. Cos'è che mi rende schiavo di un desiderio costante che mi fa emozionare solo se mi sfiori, cosa cavolo è questa assurda voglia di te ma perché? Chi sei per avere questo forte potere su di me? Ho paura, ormai sorrido solo quando mi vuoi, ormai vivo solo in relazione a te no! Cos'è questa pazzia che uccide, non è colpa tua eppure sto impazzendo non è colpa tua ma per te sto morendo, cos'è che è successo davvero? Riflesso nello specchio vedo la totale assurdità mi chiedo sempre e solo cos'è? Se è l'amore è un amore assassino perché proprio a me? Questo nel libro del destino c'è scritto cos'è? Dio quanto ti amo ma perché? È questo l'amore? Non proprio a me! Ma ti voglio anche quando mi fai sanguinare ti cerco anche quando dovrei odiarti ma cos'è? Io non posso amarti non potrò farlo mai tutto è contro questo amore non potrà mai avere storia, eppure lo so, ne sono consapevole e allora cos'è? Che mi fa pensare sempre e solo a te. Non mi importa della follia, della gente, del delirio totale dei sensi, non mi importa, ti voglio, voglio te! Ne sono sempre più certo dannazione perché? Dovevo innamorarmi proprio di te. Disegnato su un muro potrei cancellarti ma vivi nel mio cuore come posso scacciarti? Ho una maledetta voglia di te che neanche saperti crudele mi allontana da te, neanche sapere che sei il mio carnefice, il mio tormento, la mia distruzione è in mano a te e fino alla morte mi chiederò cos'è.
    Composto venerdì 2 febbraio 2001
    Vota il post: Commenta